Aperta un’inchiesta per fare luce sulle cause del decesso di una signora di 78 anni, morta cinque giorni dopo una caduta dalla sedia a rotelle mentre veniva trasportata in ospedale

La Procura di Venezia ha aperto un fascicolo per omicidio colposo in relazione al decesso di una donna di 78 anni, residente nella provincia del capoluogo veneto. L’anziana è morta cinque giorni dopo aver sbattuto violentemente il capo in seguito a una caduta dalla sedia a rotelle. Sul registro degli indagati sono finiti i nomi di due soccorritori in servizio sull’autolettiga.
I familiari, lo scorso 7 marzo, avevano infatti richiesto l’intervento dell’ambulanza per il trasporto in ospedale della loro congiunta, che dalla sera precedente soffriva di un forte dolore ai fianchi e all’intestino. I due operatori della Croce Verde, secondo quanto ricostruito dalla stampa locale,  si sarebbero quindi apprestati al trasporto. Uno dei due sarebbe tornato al mezzo di soccorso, che non era parcheggiato sotto casa ma in un posteggio vicino, per prendere la barella. Il collega nel frattempo si sarebbe occupato di fare uscire in strada la paziente, che pesava 120 chili.

L’addetto, nonostante la disponibilità di una pedana abitualmente utilizzata dai familiari, avrebbe deciso di far scendere la carrozzina per i tre gradini che collegano al piano terra il piano rialzato dove si trova l’appartamento.

A quel punto, però, la sedia a rotella gli sarebbe sfuggita di mano. La malcapitata sarebbe quindi caduta picchiando la testa contro lo spigolo dell’ultimo gradino e perdendo i sensi.
Trasportata di corsa all’ospedale dell’Angelo, l’anziana signora è stata ricoverata presso il reparto di Medicina. Nella caduta avrebbe riportato un’emorragia cerebrale oltre che una lesione a una vertebra. A distanza di cinque giorni, il 12 marzo, la donna è morta in seguito a  un arresto circolatorio.
I familiari  si sono quindi rivolti ai carabinieri presentando un esposto e chiedendo all’autorità giudiziaria di fare luce sulle cause del decesso. In particolare, i parenti vogliono capire se la scomparsa sia legata a precedenti patologie di carattere intestinale dell’anziana o se sia conseguenza del trauma cranico riportato nella caduta. Gli indagati potranno ora nominare i propri consulenti di parte in vista dello svolgimento dell’esame autoptico disposto dai magistrati.
Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a redazione@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623
 
Leggi anche:
MALTRATTAMENTI FISICI E PSICHICI IN UNA CASA DI RIPOSO, SEI ARRESTI

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui