È stata chiesta la condanna a 9 mesi per omicidio colposo per i due medici: la vicenda è quella di una giovane deceduta a 28 anni il 25 febbraio 2012

Per la vicenda di una donna deceduta a 28 anni, il 25 febbraio 2012, il pm Salvatore Ferraro ha chiesto la condanna a 9 mesi per omicidio colposo di due medici dell’ospedale Misericordia di Grosseto.

I fatti oggetto dell’indagine si sono svolti il 25 febbraio 2012: la giovane donna morì il giorno successivo, alle 6,40, all’ospedale di Livorno.

Il sostituto procuratore ha infatti ravvisato profili di responsabilità medica nei confronti di M.S., in servizio al pronto soccorso, e di S.F., in servizio in rianimazione.

L’accusa ha condiviso le conclusioni delle perizie e dell’incidente probatorio. Entrambe hanno individuato nella “perdurante severa ipocalcemia non corretta” le cause del decesso.

Si è associata la parte civile che ha chiesto i danni e anche una provvisionale.

Non sono dello stesso avviso i difensori dei due medici, che hanno chiesto l’assoluzione per i sanitari.

La donna deceduta a 28 anni, infatti, soffriva di anoressia e pesava solo 40 kg. Condizione che rende il caso piuttosto complesso.

“Gli esperti – afferma l’avv. Silvia Falconi – hanno dato tutti valutazioni diverse, anche la dottoressa Turillazzi, incaricata nel corso degli accertamenti, prima individua una causa e poi ci ripensa. E solo con l’ausilio di un altro specialista in rianimazione si arriva all’ipotesi di ipocalcemia. Ma anche questa è una causa incerta, anzi non è questa la causa della morte”.

Anche il legale del secondo medico, l’avv. Roberto Mangogna, lamenta che la perizia “è il trionfo dell’illogicità”.

E dichiara che il manuale per il rianimatore della terapia intensiva afferma che “non bisogna correggere l’ipocalcemia asintomatica”. Inoltre, afferma la difesa, la donna non è morta per l’occlusione intestinale contestata nel capo di accusa, in quanto questa “degenerò in uno choc septico”.

Una vicenda giudiziaria, dunque, ancora dai contorni poco chiari. L’udienza è stata intanto aggiornata dal giudice alla fine di ottobre.

 

Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a redazione@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

STATO VEGETATIVO PER UN RITARDO NELL’INTERVENTO, FAMIGLIA RISARCITA

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui