Diffusi i dati elaborati da Federfarma sull’iniziativa DiaDay 2018, che ha consentito lo scorso novembre di effettuare 130mila test nella farmacie aderenti

Sono oltre 5000 le farmacie che lo scorso novembre si sono impegnate gratuitamente nell’iniziativa DiaDay 2018. Uno screening che ha consentito di scattare una fotografia del diabete nel nostro Paese. 

Nello specifico, sono state monitorate, in pochi giorni, quasi 130.000 persone. “Abbiamo permesso a quasi 5.000 soggetti di venire a conoscenza del fatto di essere affetti dalla patologia” commenta il  presidente di Federfarma Nazionale Marco Consolo. “Queste persone – prosegue – possono ora curarsi adeguatamente e molto probabilmente eviteranno le complicanze e il progredire della malattia. Un vantaggio per i malati ma anche per le casse del servizio sanitario nazionale perché la malattia costa esponenzialmente di più man mano che progredisce”.  

Lo screening è consistito nella misurazione capillare della glicemia, mediante striscia reattiva e glucometro, corredata dalla compilazione del questionario Tuomilheto. Si tratta di un modulo avallato dalla comunità scientifica internazionale per valutare il rischio di ammalarsi di diabete nei dieci anni successivi.

Federfarma, attraverso la propria società di servizi Promofarma, si è occupata della raccolta e  delle elaborazioni statistiche dei dati.

I 116.097 soggetti (dichiaratisi non diabetici) sono stati sottoposti allo screening (misurazione glicemia e test di Tuomilheto). Di questi sono risultati diabetici in 4.893, pari al 4,21% del totale. Sono considerati diabetici i soggetti con valori di glicemia uguali o maggiori di 126 mg/dl dopo digiuno notturno oppure con glicemia rilevata in qualsiasi momento della giornata maggiore di 200 mg/dl.

I diabetici di nuova diagnosi sono prevalentemente uomini, 58,68%, contro il 41,32% delle donne. La diagnosi di diabete ha riguardato soprattutto persone al di sopra dei 55 anni: il 20,66% sono persone nella fascia tra 55 e 64 anni; il 65,38% persone con più di 64 anni .

Leggi anche:

DIABETE DI TIPO 2 E TUMORI, CONFERMATA LA CORRELAZIONE

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui