FROMCeO esprime solidarietà ai Colleghi Medici e a tutto il personale dell’Ospedale Galliera di Genova per le aggressioni verbali e fisiche subite sul posto di lavoro e scrive alle autorità locali

I casi di aggressione contro il personale medico e paramedico, sembrano non arrestarsi. In particolare, dopo gli ultimi episodi di violenza nei riguardi del personale impiegato nel Pronto Soccorso dell’ospedale Galliera di Genova, la Federazione Regionale degli Ordini dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri, su proposta del Presidente dell’Ordine di Savona, ha scritto ai Questori e Prefetti liguri.

Si tratta di una lettera firmata del Presidente FROMCeO, Alessandro Bonsignore e, pubblicata sul sito della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri.

Una richiesta rivolta alle Forze dell’Ordine di potenziare la sorveglianza dei reparti di emergenza degli Ospedali.

“Sarebbe molto utile, se possibile,  -si legge nel documento – aprire dei posti di Polizia negli Ospedali che ne sono ancora privi e di riaprirli laddove sono stati chiusi”.

“Si richiede, altresì, specie se non fosse possibile attuare quanto sopra proposto, di poter programmare degli accessi delle pattuglie delle varie Forze dell’Ordine presso i Dipartimenti di Emergenza, i Pronto Soccorso ed i Punti di Primo Intervento, soprattutto negli orari notturni”.

Bonsignore si auspica-  “che alcuni passaggi dei mezzi delle FF.OO. possano rappresentare un deterrente per i malintenzionati, dimostrando che tali strutture sono attivamente presidiate”.

Neppure qualche giorno fa lo stesso Ministro della Salute, Giulia Grillo, in un post su Facebook, aveva commentato le aggressioni subite da un medico radiologo e da un tecnico di radiologica dell’Ospedale di Palermo, evidenziando l’urgenza di attuare al più presto una legge antiviolenza che ponga fine a tutti questi episodi.

Leggi anche:

PERSONALE INFERMIERISTICO E SANITARIO, ANCORA AGGRESSIONI

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui