L’uomo poche ore prima era stato visitato da un camice bianco del 118 per un malore. La Procura di Messina ha aperto un fascicolo sul caso dopo la denuncia presentata dai familiari

La Procura di Messina ha aperto un fascicolo sul decesso di un uomo di 54 anni morto venerdì scorso mentre era in fila all’anagrafe del capoluogo di provincia siciliano. L’inchiesta è stata avviata in seguito alla denuncia presentata dai familiari, che chiedono di fare chiarezza sull’accaduto e di accertare eventuali responsabilità mediche per la scomparsa del loro congiunto.
L’uomo, infatti, poche ore prima aveva accusato un malore mentre si trovava in casa. Secondo il racconto dei parenti avvertiva un forte dolore al petto, non riusciva a respirare e aveva un senso di soffocamento.  Da qui la decisione di chiedere l’intervento del 118.  L’ambulanza lo aveva condotto presso il presidio di guardia medica del Mandalari dove il paziente sarebbe stato sottoposto agli accertamenti del caso.
Sempre secondo quanto riferito dai familiari, l’uomo avrebbe poi chiamato caso riferendo di essere stato rassicurato dai sanitari, che avrebbero parlato di ‘attacco di ansia’. Il 54enne aveva quindi deciso di recarsi in Municipio per sbrigare alcune pratiche. E’ li che è stramazzato al suolo senza più riprendersi.

I magistrati hanno quindi disposto gli opportuni accertamenti medico legali per capire le cause del decesso, iscrivendo nel registro degli indagati il medico che visitò la vittima poco prima della tragedia.

Un atto dovuto, quest’ultimo, in vista dello svolgimento dell’esame autoptico in programma nelle prossime ore. Il medico avrà così l’opportunità di partecipare all’esame attraverso la nomina di un proprio consulente.
L’ipotesi di reato a carico del camice bianco è di omicidio colposo. Alcune fonti di stampa locale, tuttavia, riferiscono che in base ai primi atti di indagine, il professionista, dopo la visita, avesse consigliato al paziente degli approfondimenti da svolgere in ospedale. Quest’ultimo però si sarebbe rifiutato.
 
Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a medicolegale12@gmail.com o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623
 
Leggi anche:
INVALIDO DOPO UN INTERVENTO ALLA SCHIENA, CHIESTO RISARCIMENTO DI 1,5 MILIONI

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui