Tra le priorità sottolineate dal Sindacato Nursing Up al Ministro Bongiorno anche lo sblocco del turnover

“Il ministro ha confermato tutta la sua disponibilità a collaborare con i sindacati per ottenere lo sblocco del turnover”. Inoltre, “c’è stata una sollecitazione corale ad accelerare il rinnovo dei contratti che sono in scadenza a fine 2018”. Così il presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up, Antonio De Palma, in seguito all’incontro tra sindacati e ministro della Funzione Pubblica Giulia Bongiorno.

Nel commentare l’avvio interlocutorio del rinnovo dei contratti nazionali del pubblico impiego, Palma ha affermato di aver sottolineato al Ministro l’esigenza “di valorizzare le professioni sanitarie che aspettano da anni questo riconoscimento”. Il tutto “pur apprezzando lo sforzo profuso per le risorse stanziate dal Governo in legge di bilancio”.

In particolare, l’Esecutivo ha previsto per i rinnovi contrattuali degli statali 1,1 miliardi di euro per il 2019. Nel 2010 è previsto un aumento di 325 mln (cioè 1,425 totali), mentre dal 2021 le risorse ammonteranno a 1,775 miliardi.

“La ministra Bongiorno – ha spiegato De Palma – ci ha assicurato che si coordinerà con il presidente dell’Aran per verificare come rendere attuabile l’accelerazione richiesta a gran voce da tutte le sigle presenti all’incontro e ci ha garantito contestualmente la copertura del 100% del turnover”.

“Ma questa garanzia, a nostro avviso, può funzionare solo se si tiene conto del fatto che la pubblica amministrazione è stata oggetto da decenni di tagli lineari, quindi bisogna capire con i dati alla mano da cosa si partirà. Non vorremmo mai che si partisse dalla fotografia della situazione attuale di grave carenza di organico, soprattutto in ambito sanitario”.

Per quanto riguarda le assunzioni Nursing Up fa sapere di aver sollecitato lo scorrimento delle graduatorie e l’organizzazione di nuovi concorsi per il personale. “Aspettiamo di vedere in che modo il ministero della Funzione Pubblica intenderà interagire con i sindacati – conclude il presidente Nursing Up – e porre in essere tali forme di collaborazione concretizzandole”.

 

Leggi anche:

INFERMIERI A DI MAIO: PIÙ RISORSE PER IL RICONOSCIMENTO PROFESSIONALE

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui