Si è concluso il processo per la morte di una giovane sedicenne deceduta in seguito a un intervento per la rimozione di un tumore benigno al cervello

Avrebbero sottovalutato le lamentele della paziente durante la fase post operatoria. Con questa motivazione, quattro medici in servizio presso l’Ospedale San Filippo Neri di Roma, a cavallo tra il 2011 e il 2012, sono stati condannati per omicidio colposo in relazione alla morte di una sedicenne di Civitavecchia, giovane promessa del canottaggio italiano.
La ragazza, vincitrice di una medaglia d’argento nei campionati italiani a 15 anni, era stata ricoverata a dicembre del 2011 presso l’Ospedale della propria città, a causa di un mal di testa lancinante che non le dava tregua da giorni. A seguito di una tac le era stato diagnosticato un adenoma ipofisario di natura benigna ed era stata trasferita presso il nosocomio romano dove, svolti ulteriori accertamenti, era stata operata con successo per la rimozione del tumore.
Ma il giorno dopo l’operazione la paziente aveva iniziato ad accusare dei disturbi visivi; sintomi che, secondo l’ipotesi accusatoria, sarebbero stati sottovalutati dal personale sanitario, che li avrebbe considerati semplici disturbi passeggeri. Dopo pochi giorni la giovane era stata colpita da convulsioni violente, e fu deciso un nuovo intervento dall’esito inutile. La sedicenne, infatti, cadde in coma, senza più riprendersi, morendo il 2 gennaio del 2012.
Il Pubblico ministero aveva chiesto una condanna a 4 anni per ognuno dei sei medici finiti a processo. Il Tribunale, invece, ha ritenuto di assolvere con formula piena due degli imputati, riconoscendo, invece la colpevolezza degli altri quattro camici bianchi, cui sono stati inflitti un anno e sei mesi di pena ciascuno. La famiglia della ragazza aveva già vinto la battaglia legale in sede civile con il riconoscimento del risarcimento per la perdita della propria cara
Hai avuto un problema analogo e ti serve una consulenza gratuita? scrivi a redazione@responsabilecivile.it o telefona al numero 3927945623 

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui