Due medici sono finiti a giudizio per la morte di un 84enne finito in Pronto soccorso dopo una caduta per un trauma cranico con ferita lacero-contusa

Due medici in servizio presso l’ospedale di Cittiglio, nel Varesotto, sono stati rinviati a giudizio per omicidio colposo e responsabilità colposa per morte in ambito sanitario. Erano finiti nel mirino della Procura in seguito alla morte di un 84enne nel maggio del 2015. L’uomo, come ricostruisce la Prealpina, era arrivato in Pronto soccorso per una caduta. Aveva riportato un trauma cranico con ferita lacero-contusa.

Secondo la testimonianza del figlio, sarebbe stato sottoposto a una tac e a una visita ortopedica, per poi essere tenuto sotto osservazione fino al pomeriggio successivo. Dopo 15 ore di ricovero sarebbe quindi stato dimesso.

L’indomani sarebbe stato portato in ospedale a Varese dai parenti per una scintografia ossea. Tornato a casa, tuttavia, nella notte si sarebbe sentito male perdendo i sensi. Trasportato d’urgenza in ospedale a Legnano a bordo di un mezzo del 118 sarebbe quindi deceduto.

In seguito alla denuncia presentata dai familiari la Procura ha aperto un’inchiesta sul caso che ha portato all’apertura del processo per i professionisti indagati.

Secondo la magistratura i due camici bianchi avrebbero sottovalutato la gravità della situazione e non avrebbero seguito il protocollo previsto in caso di persone con trauma cranico. Più specificamente, il primo non avrebbe fatto una corretta valutazione neurologica. Non avrebbe, inoltre, tenuto monitorato il paziente per almeno 24 ore, sottoponendolo a esami strumentali ripetuti a distanza di tempo. Il secondo, invece, non avrebbe eseguito un’ulteriore tac, rimandando a casa l’anziano dopo sole 15 ore e non rispettando, quindi, le linee guida. Infine, non avrebbe indicato la corretta diagnosi nel foglio di dimissioni.

I parenti del defunto si sono costituiti parte civile nel processo chiedendo e ottenendo la citazione, come responsabili civili, dell’Asst dei Sette Laghi, l’ospedale di  , quello di Cittiglio e la compagnia assicurativa dell’Azienda sanitaria. Si attende ora l’esame delle consulenze dell’accusa e della difesa.

Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a medicolegale12@gmail.com o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

MORTO DOPO TRE INTERVENTI PER RIMUOVERE UN TUMORE, INDAGATO IL CHIRURGO

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui