Smentita l’immediata abolizione del numero chiuso per l’accesso alla facoltà di Medicina. Palazzo Chigi: obiettivo politico di medio periodo

E’ caos sull’abolizione del numero chiuso per l’accesso alla facoltà di Medicina. La notizia è inserita nel comunicato stampa che il governo ha diffuso al termine del Consiglio dei Ministri di ieri che ha approvato la manovra 2019. “Si abolisce il numero chiuso nelle Facoltà di Medicina – si legge nella nota di Palazzo Chigi – permettendo così a tutti di poter accedere agli studi”.

In mattinata, tuttavia, il Ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, da Venezia ha dichiarato di essere all’oscuro della misura. “Sarò franco con voi, non mi risulta”, ha affermato rispondendo a chi gli chiedeva un commento al riguardo.

Poco dopo lo stesso Bussetti ha diramato una nota congiunta con il Ministro della Salute, Giulia Grillo.

I titolari dei due dicasteri hanno chiarito di aver chiesto, in sede di Consiglio dei Ministri, di aumentare sia gli accessi sia i contratti delle borse di studio per Medicina. “È un auspicio condiviso da tutte le forze di maggioranza che il Governo intende onorare – affermano Bussetti e Grillo -. Si tratta chiaramente di un percorso da iniziare già quest’anno per gradi. Per assicurare l’aumento dei posti disponibili e avviare un percorso condiviso, a breve sarà convocata una prima riunione con tutti i soggetti interessati a cominciare dalla Crui”.

Infine, è arrivata la precisazione di Palazzo Chigi. “Si tratta di un obiettivo politico di medio periodo per il quale si avvierà un confronto tecnico con i ministeri competenti e la Crui, che potrà prevedere un percorso graduale di aumento dei posti disponibili, fino al superamento del numero chiuso”.

In conclusione, dunque, il test di accesso alla Facoltà di Medicina non sarà abolito nell’immediato. Del resto, una simile misura richiederebbe dei preparativi e degli sforzi non indifferenti. Basti pensare che lo scorso settembre per contendersi 9.779 posti si sono presentati ai test d’ingresso 67.005 candidati.

 

Leggi anche:

FORMAZIONE IN MEDICINA GENERALE, GRILLO: BASTA CON I MEDICI ‘USA E GETTA’

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui