Sospesa la consegna da parte dell’Agenzia delle entrate Riscossione di circa 305mila cartelle e avvisi che saranno ‘congelati’ fino al 6 gennaio

L’Agenzia delle entrate-Riscossione ha sospeso l’attività di notifica degli atti fino al 6 gennaio 2020. L’obiettivo è quello “di evitare disagi ai contribuenti in questo periodo particolare dell’anno”. Nelle due settimane tra Natale e l’Epifania era previsto l’invio di circa 322 mila cartelle che resteranno invece sospese. Fanno eccezione circa 17 mila atti inderogabili che dovranno essere comunque notificati, in buona parte tramite posta elettronica certificata. 

L’iniziativa, decisa dai vertici dell’Ente d’intesa con gli operatori postali, prevede quindi la sospensione della notifica di circa 305 mila cartelle e avvisi che saranno “congelati”. La notifica riprenderà, ovviamente, dopo il periodo di sospensione. 

Lo stop delle cartelle durante le festività si inserisce nel percorso di miglioramento del rapporto tra Agenzia, cittadini, professionisti e imprese.

L’iniziativa si aggiunge infatti a quelle già realizzate dall’ente di riscossione per facilitare gli adempimenti fiscali e garantire una maggiore fruibilità dei servizi ai contribuenti. Senza necessariamente andare allo sportello, infatti, i contribuenti possono utilizzare da pc, smartphone e tablet i servizi online disponibili sul sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it e sull’app Equiclick.

È possibile verificare la propria situazione debitoria, chiedere la rateizzazione o la sospensione delle cartelle, controllare l’esistenza di eventuali richieste di pagamento, ricevere un sms o una email che segnala la scadenza di una rata o l’arrivo di una nuova cartella, così come richiedere una copia della Comunicazione delle somme dovute con i bollettini di pagamento, utile ai contribuenti che hanno aderito ai provvedimenti di “rottamazione-ter” e “saldo e stralcio” delle cartelle.

I servizi web di Agenzia delle entrate-Riscossione – fa sapere l’Ente – sono disponibili tutti i giorni, 24 ore su 24, dando così la possibilità ai contribuenti di svolgere le operazioni durante il periodo e gli orari più consoni alle proprie necessità.  

Leggi anche:

IL FISCO PUÒ SOSTITUIRE IN AUTOTUTELA GLI ATTI PIÙ FAVOREVOLI AL CONTRIBUENTE

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui