I camici bianchi erano accusati non don aver seguito in maniera adeguata nella fase post operatoria il paziente, deceduto per le complicazioni insorte dopo un intervento di ernia

Il Tribunale di Como ha condannato due medici in servizio nel 2016 all’ospedale di Erba per il decesso di un uomo di 42 anni, morto per le complicazioni insorte dopo un intervento di ernia.

L’uomo, di origini calabresi, era salito in Brianza, dove abitava la sorella, per farsi operare. L’intervento venne effettuato il 10 novembre. Cinque giorni dopo, il suo quadro clinico si aggravò e sopraggiunse il decesso.

La tragedia aveva portato all’apertura di un fascicolo con il successivo rinvio a giudizio di tre camici bianchi che seguirono il decorso post operatorio del paziente. A conclusione del procedimento di primo grado, il Giudice ha ritenuto di condannare due dei professionisti, rispettivamente a un anno e otto mesi. Assolto, invece, un terzo medico, per il quale non sono state ravvisate responsabilità.

Il Pubblico ministero aveva invocato tre condanne.

Per l’accusa, si trattava di un paziente giovane e sano e “se fosse stato seguito in maniera adeguata nella fase post operatoria non sarebbe morto”. Secondo la parte civile, il paziente non stava bene, “lo diceva ma non è stato mai creduto”. L’uomo, dunque, sarebbe stato abbandonato a se stesso anche se fin dal giorno dopo l’intervento erano emersi i sintomi evidenti che qualcosa non era andato come doveva.

La difesa, invece, nel sottolineare “la mancanza di certezze in quanto avvenuto”, aveva evidenziato come, nonostante il paziente non stesse bene, tanto che era stato trattenuto in ospedale, non vi erano elementi tali da pensare a un rischio vita imminente.

Il Tribunale ha anche disposto una provvisionale da 300mila euro in favore dei parenti della vittima, in attesa di una futura definizione in sede civile. Nell’ambito del procedimento è stato citato come responsabile civile, anche l’ospedale.

Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a medicolegale12@gmail.com o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

MORBILLO NON DIAGNOSTICATO, 7 MEDICI A RISCHIO GIUDIZIO PER MORTE BIMBA

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui