Lavorare con i muscoli delle gambe può donare il senso di leggerezza pubblicizzato da molte industrie farmaceutiche senza usare particolari integratori

Tutto quello che accade sotto al ginocchio di solito è poco considerato, ma le gambe (la parte degli arti inferiori che va dal ginocchio alla caviglia) sono davvero un interessante regione del nostro corpo.

La pesantezza delle gambe, ad esempio, è uno dei sintomi maggiormente citati da molte industrie farmaceutiche al fine di vendere integratori che favoriscono il drenaggio linfatico e venoso donando un fantastico senso di leggerezza.

La muscolatura di questa regione è molto potente e quasi completamente composta da muscoli lunghi. Questi solitamente assolvono alla trasmissione del movimento lontano dalla loro zona di alloggiamento e per questo possiedono tendini davvero lunghi. I muscoli peronieri, tibiali e perfino il gastrocnemio hanno tendini generosi se confrontati ai muscoli del resto del corpo. Da questo possiamo intuire che il movimento prodotto dai muscoli della gamba si manifesterà sul piede e non sulla gamba.

Quindi per esercitare molti muscoli della gamba dobbiamo muovere i piedi.

Nell’ultimo articolo relativo al rinforzo del piede ti parlerò di una interessante struttura che si trova sotto al nostro avampiede, una struttura che viene considerata il secondo cuore e che nel suo compito di pompaggio del sangue viene aiutata dai muscoli della gamba.

Tornando al punto di partenza, avrai intuito che lavorare con i muscoli delle gambe migliora il ritorno venoso e quindi può donare quel famoso senso di leggerezza tanto pubblicizzato dai “consigli per gli acquisti” visti in TV ma senza usare particolari integratori.

Vediamo dunque gli esercizi di oggi.

Esercizio 53RM – In punta di piedi

Mettiti di fronte ad una parete distante da essa circa 30-40 cm. Poggia le mani alla parete all’altezza delle spalle, mantieni i piedi uniti e solleva i talloni da terra il più possibile cercando di mantenere le caviglie vicine. Torna alla posizione di partenza ed esegui lo stesso movimento per 20 volte.

Esercizio 54RM – Sui talloni

In piedi con le mani ai fianchi e piedi leggermente divaricati. Solleva il più possibile l’avampiede da terra senza spingere il bacino indietro. Per facilitare l’esercizio puoi eseguirlo poggiandoti con spalle e bacino ad una parete. Dopo aver sollevato l’avampiede torna alla posizione di partenza ed esegui il movimento per 15 volte.

Dr. Paolo Scannavini

pscannavini@gmail.com

Fisioterapista e Kinesiologo

Leggi anche:

COSCIA, NO AL RINFORZO DI MUSCOLI ISCHIOCRURALI E ADDUTTORI

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui