La Cassa Forense pubblica bandi per finanziare master e titoli al fine di acquisire specifiche competenze professionali

La Cassa Forense ha recentemente pubblicato un bando volto a sostenere economicamente i giovani professionisti che intendano acquisire il titolo di specialista. In particolare il provvedimento riconosce un rimborso fino al 50 per cento delle spese sostenute per l’iscrizione a master, corsi e scuole di specializzazione.

La richiesta, che va presentata entro il 31 dicembre, può essere avanzata da tutti gli iscritti all’Ente previdenziale che non abbiano superato il 45simo anno di età e che, nel corso dell’anno 2016, abbiano frequentato un master, un corso o un seminario di specializzazione finalizzato “all’acquisizione del titolo di specialista” e di “specifiche competenze professionali”. I richiedenti, inoltre, devono essere in regola con le comunicazioni reddituali alla Cassa e devono aver dichiarato, nel mod. 5/2016, un reddito professionale inferiore a 40mila euro.

E’ previsto uno stanziamento complessivo di 1 milione di euro. Fino alla concorrenza di tale soglia a ciascun richiedente in possesso dei requisiti richiesti sarà erogato un contributo una tantum pari alla metà delle spesa, al netto di Iva, fino a un massimo di 3mila euro.

Le richieste dovranno essere presentate attraverso apposito modulo scaricabile dal sito internet dell’Ente, da spedire a mezzo pec o raccomandata A/R,  allegando tutta la documentazione necessaria, ovvero copia della fattura relativa all’iscrizione al master/corso/scuola di specializzazione, copia di un documento di identità in corso di validità; copia dell’attestato di frequenza e/o di superamento del master/corso/seminario di specializzazione o documentazione equipollente.

Le domande andranno a formare una graduatoria basata sul criterio di precedenza “inversamente proporzionale all’ammontare del reddito professionale del richiedente”. In caso di parità di reddito, verrà data precedenza alla minore età anagrafica del richiedente, e in caso di ulteriore parità, alla maggiore anzianità di iscrizione alla Cassa.

SCARICA QUI IL BANDO

 

LEGGI ANCHE:

Formazione continua, triennio in scadenza per gli avvocati

Avvocati praticanti, nessun onorario allo studio per ‘favori’ ai parenti

Esame di stato, per gli avvocati diventa telematico

Obbligo di polizza assicurativa per medici e avvocati

 

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui