In caso di incidente stradale all’estero, la domanda di risarcimento del danno scaturente da fatto illecito è soggetta alla legge del luogo ove è avvenuto il fatto

La Cassazione con la sentenza n. 18286/2021 si è pronunciata sul ricorso dei figli di una coppia che avevano agito in giudizio, in proprio e iure hereditatis, per ottenere il risarcimento dei danni diretti e indiretti subiti in conseguenza dell’incidente stradale avvenuto all’estero, nello specifico a Parigi, in Francia, nel quale la madre, anch’essa parte attrice, aveva subito gravi lesioni e il padre aveva riportato lesioni gravi e, a distanza di sei giorni dal ricovero, era deceduto dopo aver subito vari interventi chirurgici.

L’istanza era stata presentata davanti al Tribunale di Firenze neo confronti della società assicuratrice del pullman che improvvisamente aveva invaso il marciapiede ed aveva colpito un palo della luce che si era abbattuto al suolo dopo aver colpito i coniugi che stavano passeggiando su quel marciapiede, nonché dell’azienda proprietaria del mezzo, dell’impresa mandataria dell’assicurazione e del conducente del pullman.

ll Giudice adito, ritenuta sussistente la giurisdizione italiana e la legittimazione passiva di dell’impresa mandataria, aveva accolto la domanda e condannato tutti i convenuti al risarcimento dei danni subiti, facendo applicazione della legge italiana e delle tabelle di Milano per la liquidazione degli stessi.

La Corte d’Appello di Firenze, in parziale accoglimento del gravame, aveva dichiarato il doversi applicare al sinistro in parola il diritto francese in ordine alla quantificazione e liquidazione dei danni; nel resto aveva confermato l’impugnata sentenza e disposto la rimessione della causa in istruttoria come da separata ordinanza.

Nel rivolgersi alla Suprema Corte i ricorrenti censuravano la sentenza impugnata per aver la Corte di merito, richiamando la sentenza della Corte di Giustizia Europea del 10 dicembre 2015 nella causa C350-14, affermato – accogliendo uno dei motivi di appello – che il danno diretto subito da un cittadino italiano all’estero, in un Paese dell’Unione Europea, in conseguenza di un sinistro stradale, dovrebbe essere liquidato in base alla legge del luogo in cui è avvenuto il sinistro. Ad avviso dei ricorrenti, la Corte territoriale avrebbe errato nel ritenere che la normativa preveda unicamente l’applicazione del luogo in cui è avvenuto l’evento, stabilendo invece espressamente «…indipendentemente dal paese nel quale è avvenuto il fatto», ed erroneamente avrebbe richiamato la menzionata sentenza della Corte europea che riguarderebbe un caso diverso (danni indiretti subiti iure proprio dal genitore residente all’estero, in conseguenza del decesso della figlia, residente in Italia e avvenuto nel nostro Paese in conseguenza di un sinistro stradale, laddove, nel caso all’esame, si tratterebbe “prevalentemente, di risarcimento dei danni direttamente subiti dalle vittime, cittadini italiani residenti a Firenze, a causa di un sinistro avvenuto a Parigi”).

Gli attori sostenevano poi che la sentenza impugnata era errata anche nella parte in cui aveva affermato che per la corretta quantificazione del quantum occorreva rifarsi alla vigente normativa francese, con conseguente modifica della statuizione di primo grado in ordine a tale aspetto, statuizione che, ad avviso dei ricorrenti dovrebbe, invece, essere confermata.

La Suprema Corte, tuttavia, ha ritenuto infondate le doglianze proposte, chiarendo che la domanda di risarcimento del danno scaturente da fatto illecito avvenuto all’estero, commesso nei confronti di cittadino italiano da parte di un cittadino di altro Stato, anche quando possa essere conosciuta dal giudice italiano secondo le regole sulla giurisdizione, è soggetta alla legge del luogo ove è avvenuto il fatto senza che, ove la legge straniera porti a negare il risarcimento del danno non patrimoniale, ovvero a determinarlo in misura inferiore a quanto previsto dalla legge italiana, possa ritenersi violato il diritto dell’Unione europea o quello costituzionale.

La redazione giuridica

Sei stato coinvolto in un incidente stradale? hai subito un danno fisico o perso un congiunto e vuoi ottenere il massimo risarcimento danni? Clicca qui

Leggi anche:

Lesioni causate da omessa custodia della strada e nesso causale

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui