Infrazionabilità del credito derivante dal sinistro stradale (Cassazione civile sez. III, dep. 17/06/2022, n.19608)

Infrazionabilità del credito derivante da sinistro stradale finisce al vaglio della Corte Suprema.

In relazione ad un sinistro stradale, il danneggiato agiva per il risarcimento dei danni materiali conseguiti al tamponamento della propria vettura da parte del veicolo responsabile.

Successivamente, dopo che era passata in giudicato la sentenza che aveva accolto la domanda, agiva per il risarcimento dei danni alla persona riportati a seguito del medesimo sinistro.

Il Giudice di Pace di Lanciano dichiarava l’improcedibilità di tale domanda per essere stato violato il principio giurisprudenziale di infrazionabilità del credito, sul rilievo che integrava un abuso del diritto l’attivazione di due distinti giudizi per il risarcimento dei danni conseguenti ad un medesimo fatto generatore.

Il Tribunale di Lanciano ha rigettato l’appello, confermando la pronuncia di primo grado e il danneggiato propone ricorso per cassazione.

Il primo motivo denuncia la violazione e/o la falsa applicazione degli artt. 116 c.p.c. e 118 disp. att. c.p.c. in relazione all’interpretazione data dal Giudice di appello alle sentenze indicate dal Giudice di Pace, alla sentenza n. 4090/2017 emessa dalle Sezioni Unite, al principio di infrazionabilità del credito e alla sanzione che la violazione di detto divieto comporta; evidenziata la necessità di distinguere fra “frazionamento del credito” e “frazionamento dei crediti” e rilevato che il Tribunale “non ha tenuto in alcun conto il fatto che i due diritti tutelati con le rispettive azioni (danno auto e lesioni personali) sono completamente distinti poiché i loro elementi costitutivi sono in parte differenti”, la ricorrente contesta di avere commesso un qualche abuso e sostiene che, in ogni caso, “la sanzione che sarebbe potuta scaturire da un simile comportamento doveva essere quella della condanna al pagamento delle spese di lite e mai, invece, la dichiarazione di improcedibilità della domanda”, la quale comporta che sia “il creditore ad essere punito” con la perdita del proprio diritto per ragioni puramente processuali.

Il secondo motivo deduce la nullità della sentenza per avere il Giudice di appello “completamente omesso di rispondere al 2 motivo di impugnazione (…) nella parte in cui è stata lamentata l’errata applicazione della sanzione conseguente alla ipotetica violazione del principio di infrazionabilità del credito e del principio di buona fede e correttezza, nonché del giusto processo.

Ebbene, come correttamente rilevato dal Tribunale, i postumi invalidanti conseguenti alle lesioni riportate nel sinistro si erano stabilizzati in epoca anteriore alla proposizione della domanda concernente i danni materiali; sicché non sussistevano ragioni oggettive che potessero fondare un interesse del creditore ad agire separatamente per il risarcimento dei danni alla persona.

Né merita accoglimento la censura che lamenta l’eccessività della sanzione della improcedibilità della domanda successiva e suggerisce l’opportunità di utilizzare la leva del regolamento delle spese di lite.

Invero, sia l’esigenza di scoraggiare abusi del diritto da parte del creditore in danno del debitore, che quella di evitare le ricadute in termini di aggravio dell’operatività del sistema giudiziario (che si verificherebbero in ogni caso se si intervenisse soltanto sulle spese processuali) comportano la necessità di mantenere fermo l’esito della improcedibilità, in difetto di un interesse obiettivamente apprezzabile del creditore al frazionamento.

Il principio di infrazionabilità del credito generato dal medesimo fatto è insuperabile.

Il ricorso viene rigettato, nel suo complesso, con condanna della ricorrente al pagamento delle spese di lite.

Avv. Emanuela Foligno

Sei stato coinvolto in un incidente stradale? hai subito un danno fisico o perso un congiunto e vuoi ottenere il massimo risarcimento danni? Clicca qui

Leggi anche:

Danni da sinistro stradale liquidati in misura esigua

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui