La piccola, morta dopo una crisi respiratoria, nelle ore antecedenti la tragedia era stata portata due volte in Pronto soccorso con febbre alta

La Procura della Repubblica di Monza ha aperto un fascicolo sul decesso di una bimba di appena 11 mesi, morta dopo una crisi respiratoria che l’ha colta mentre stava mangiando dello yogurt. La piccola si trovava in casa, in provincia di Milano. A nulla è valso l’intervento dei soccorsi, con lo svolgimento delle prime manovre rianimatorie, e il successivo trasporto in elisoccorso all’ospedale di Bergamo, dove i medici non hanno potuto far altro che constatare il decesso.

Il pubblico ministero titolare dell’inchiesta ha disposto lo svolgimento dell’autopsia per capire cosa sia successo. Al vaglio degli inquirenti c’è anche la documentazione medica della bimba che, in base a quanto riporta Milano Today, nelle ore precedenti la tragedia sarebbe stata portata per due volte in Pronto soccorso, a Sesto San Giovanni, con febbre alta e in stato di leggera letargia, ma in entrambi i casi sarebbe stata rimandata a casa con la prescrizione di Tachipirina, senza essere sottoposta “ad accertamenti diagnostici approfonditi”.

Gli esiti dell’esame necroscopico saranno dunque decisivi per valutare la sussistenza di possibili responsabilità e omissioni mediche e procedere con eventuali iscrizioni nel registro degli indagati dei camici bianchi che hanno preso in carico la piccola in occasione dei due accessi in ospedale. I primi riscontri sembrerebbero aver escluso maltrattamenti ad opera dei familiari mentre resterebbe in piedi l’ipotesi del soffocamento per ingestione di qualche corpo solido.

Sei vittima di errore medico o infezione ospedaliera? Hai subito un grave danno fisico o la perdita di un familiare? Clicca qui

Leggi anche:

Emorragia cerebrale dopo il ricovero in ospedale, aperta inchiesta a Udine

Complicanze dopo una isterectomia, quattro medici condannati per lesioni

Morta dopo un intervento alla colonna vertebrale, due medici a giudizio

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui