Speculare sui tempi di attesa negli ospedali pubblici per condurre le donne incinta a farsi operare privatamente per interrompere la gravidanza rappresenta un illecito penale

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 1082/2017,  ha confermato la decisione del giudice di appello di impartire gli arresti domiciliari a un medico in servizio presso un pubblico Ospedale per il reato di concussione, disciplinato dall’articolo 317 del codice penale. Per concussione si intende l’illecito commesso dal pubblico ufficiale che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, costringe qualcuno a dare o a promettere indebitamente, a lui o a un terzo, denaro o altra utilità.
Nel caso in esame il camice bianco era stato condannato per aver speculato sulle attese necessarie allo svolgimento legale dell’interruzione volontaria della gravidanza nel nosocomio presso cui operava, spingendo alcune donne incinta, che avevano necessità o interesse a abortire in tempi rapidi, a recarsi presso il proprio studio privato per accelerare l’esecuzione dell’intervento. Una pratica che nel nostro Paese, in base a quanto previsto dalla Legge 194, è consentita solamente presso strutture pubbliche.
La Cassazione ha confermato che, nel caso di specie, non poteva essere negata la qualità pubblicistica dell’operatore sanitario , che aveva operato “strumentalizzando la sua funzione apicale rispetto all’ambulatorio ospedaliero, senza che a nulla rilevi in senso contrario il fatto che l’aborto veniva poi praticato quale professionista privato”.
Il medico, inoltre, non lasciava alle gestanti possibilità di scelta prospettando come unica alternativa il disvelamento dello stato di gravidanza, che avrebbe comportato la compromissione del rapporto con il partner o le conseguenti reazioni da parte dei parenti. Le donne, inoltre, venivano messe nella condizione di dover per forza accettare la proposta del camice bianco a fronte dell’impossibilità di abortire nel termine legale di 90 giorni.
LEGGI ANCHE:
Concussione ed interruzione volontaria della gravidanza

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui