Figli che abbandonano i genitori, è reato?

1

La Cassazione si è espressa ed ha precisato se i figli che abbandonano i genitori commettono reato

Con la sentenza 44098/2016 gli ermellini hanno chiarito che anche lasciare il padre anziano da solo rappresenta l’abbandono di persone incapaci e penalmente sanzionata.
L’accudimento non è più dunque un percorso a senso unico e così ciò che valeva per i figli, ora vale anche per i genitori. Abbandonarli è reato. La Cassazione “fa giurisprudenza” e la sentenza su un singolo ricorso diventa indicazione generale.
Chi lascia allora il proprio genitore in stato di pericolo risponde del reato di abbandono di incapace previsto dal Codice Penale punito con la reclusione da 6 mesi a 5 anni.
La sentenza deriva dal caso specifico di un anziano signore che in seguito all’abbandono da parte della propria famiglia versava in uno stato di salute pericoloso. La sentenza condanna la figlia e l’obbligo di accudire i genitori non è più solo morale ma stabilito per legge.
In realtà esistendo il reato di abbandono di persona minore o incapace previsto dall’articolo 591 del Codice Penale non si tratta di una novità assoluta nell’ordinamento giuridico. Infatti i giudici, nell’emettere la sentenza, hanno fatto riferimento ad altre fonti normative che già indicano i doveri di cura e accudimento nei confronti dei genitori e l’abbandono già di per sé rappresenta la lesione di un interesse giuridicamente tutelabile dalla norma incriminata.
L’articolo 29 della Costituzione già riconosce la famiglia come una società naturale e nell’articolo 3 ricorda la pari dignità sociale di ogni cittadino di fronte alla legge e l’articolo 2 ricorda il valore della solidarietà richiedendo l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.
A questi doveri di solidarietà sociale vengono meno i figli che trascurano i genitori.
Anche il Codice Civile contiene importanti ed espliciti riferimenti agli obblighi dei figli verso i genitori come l’obbligo di rispetto (art.315 bis C.C.) e l’obbligo di assistenza.
Nell’articolo 433 C.C. sono elencate le persone a prestare gli alimenti a chi si trova in stato di bisogno. Al secondo posto dopo il coniuge il legislatore ha posto il figlio.
 
LEGGI ANCHE
DIRITTO ALLO STUDIO, LEGITTIMO SE COMPATIBILE CON LA  CAPACITA’ ECONOMICA DEI GENITORI
UTILIZZO INDEBITO DEL BANCOMAT DEI GENITORI, IL FIGLIO RISCHIA LA CONDANNA PENALE

- Annuncio pubblicitario -

1 commento

  1. Salve
    Suonò una badante che ho curato on alziano 4 ani
    Coesto alziano era abbandonato di suo figlio tempo di 20 ani non ho venuto non ho sentito di suo padre non vogleva sintire come sta suo padre
    Coesto alziano cilaveva on admistratore di sustegnio che si ocupavo di lui financiar
    Coesta admistratore di sustegnio era messo di una casa famiglia
    Coesto alziano cilaveva una casa che mio fato testamento a mome mio dopo morte suoa io po diventare patrona di casa
    Dopo morte di alziano casa sea stato intestato a me con contratto al nome mio
    Mo ho venuto il figlio di alziano per indurito per la casa dopo 20 anni che ho abbandonato il suo padre non ho fato una telefonata per vedere come sta suo padre
    Mo chede indiiritii di casa
    Il mia domanda po’ avere on indirito figlio di alziano??
    Grazie mille

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui