Ancora una aggressione in ospedale ai danni di un infermiere. L’uomo è stato picchiato dal figlio di una ausiliaria dipendente di una ditta che opera nella medesima struttura

Polemiche per il nuovo caso di violenza in corsia, vittima un infermiere aggredito dal figlio di una collega all’ospedale Santa Marta e Santa Venera di Acireale.

Dopo un banale alterco tra i due è scattata la spedizione punitiva del figlio della donna.

Le conseguenze, per l’ infermiere aggredito dal figlio di una collega, sono state serie ma per fortuna non gravi. L’uomo ha riportato una frattura composta dell’orbita oculare ed alcune costole incrinate, con trenta giorni di prognosi.

L’increscioso episodio è avvenuto martedì scorso, quando l’infermiere professionale stava lavorando nel reparto di ortopedia dell’ospedale “Santa Marta e Santa Venera” di Acireale. Dopo uno screzio con la collega è arrivato il gesto violento.

Secondo la prima ricostruzione compiuta dalle forze dell’ordine, la donna non ha gradito un rimprovero ricevuto poco prima dal collega al lavoro.

In serata, al termine del servizio, ha deciso di presentarsi in reparto insieme al figlio per un ulteriore “chiarimento” con l’infermiere.

Al culmine del confronto il figlio della donna si è scagliato contro il professionista aggredendolo con inaudita violenza. Una scarica di calci e pugni in cui, ad avere la peggio, è stato l’infermiere. L’uomo, a causa delle ferite subite, ha dovuto ricorrere al pronto soccorso dello stesso ospedale.

Qui è rimasto sotto osservazione per tutta la notte, prima delle dimissioni, avvenute ieri mattina.

I carabinieri della Compagnia di Acireale hanno acquisito una serie di testimonianze e adesso stanno svolgendo ulteriori indagini per accertare le responsabilità del grave gesto.

Anche la direzione sanitaria dell’ospedale si è subito attivata disponendo un’indagine interna.

Sono stati inoltri contattati i vertici dell’azienda che ha alle sue dipendenze l’ausiliaria.

Il personale medico dell’ospedale di Acireale ha espresso solidarietà, anche da parte del personale paramedico, all’infermiere professionale colpito.

Il nosocomio ha condannato il gesto violento anche per le modalità con cui è avvenuto e auspica provvedimenti esemplari una volta che saranno accertate le responsabilità.

 

 

 

Leggi anche:

AGGRESSIONE IN OSPEDALE. SPUTA E ROMPE IL NASO AL DOTTORE

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui