La polizza assicurativa non pagata dell’auto determina la sua sospensione. Ma in alcuni casi la copertura resta valida per 15 giorni. Ecco quali sono

Cosa succede se avviene un incidente stradale ed un conducente si ritrova con la polizza assicurativa non pagata? Per rispondere a questo interrogativo, occorre andare a vedere cosa prevede l’articolo 1901 del codice civile.
Esistono due tipologie di mancato pagamento. La distinzione è tra quanti non hanno pagato proprio il premio dell’assicurazione o non ne hanno versato la prima rata. E quanti invece non hanno pagato le rate successive alla prima. L’articolo 1901 del Codice civile prevede infatti che, nel primo caso, l’assicurazione venga sospesa fino a quando l’automobilista non provvede a versare la rata pattuita. Avvenuto il pagamento, entro ventiquattrore la polizza torna a coprire gli eventuali sinistri.

Smette di pagare una rata successiva alla prima

C’è poi il caso, previsto al comma due dell’articolo 1901, che prende in considerazione una diversa ipotesi. Quella per cui il contraente abbia smesso di pagare una rata successiva alla prima. In tale circostanza, la polizza assicurativa non pagata, copre comunque per 15 giorni l’automobilista.
La Corte di Cassazione ha approfondito ulteriormente la questione, con la sentenza numero 17207 del 2017 . Gli ermellini hanno infatti ribadito un duplice obbligo. Da parte dell’assicurato l’obbligo è quello di provvedere al pagamento delle rate successiva alla prima. Da parte dell’assicurazione, di prorogare fino a 15 giorni la copertura che, a partire dal sedicesimo giorno, risulta sospesa. Solo da quel momento l’assicurazione può considerare il contraente in stato di mora. Di conseguenza entro i 15 giorni, la polizza deve coprire gli eventuali sinistri accorsi.

Cosa succede se poi non viene versato il premio?

In definitiva, cio’ che la Suprema Corte ha ulteriormente chiarito è che la polizza di un assicurato che non abbia pagato premi successivi al primo, resta valida per 15 giorni. Lo ha evidenziato con la citata del 2017 ed ancor prima con quella numero 1580 del 2009: La copertura, questa è una sottolineatura importante che gli ermellini hanno fatto, vale in quell’arco temporale anche se poi il premio non venga versato.
 

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui