Federfarma: l’acquisto di medicinali tramite canali non ufficiali e non autorizzati è pericoloso

Oltre 12 milioni di unità di farmaci sequestrati in 103 Paesi. E’ il bilancio della nona Operazione Pangea, l’iniziativa internazionale di contrasto al mercato dei farmaci illegali e contraffatti alla quale anche quest’anno per il nostro Paese hanno aderito le forze di polizia, l’Agenzia delle dogane e dei monopoli, il ministero della Salute, l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e l’Istituto superiore di sanità (Iss), sotto il coordinamento del Servizio per la Cooperazione internazionale della Criminalpol.

Negli aeroporti italiani, in soli 7 giorni, tra il 30 maggio e il 7 giugno, i farmaci sequestrati sulle spedizioni provenienti dall’estero sono stati oltre 80mila, a riprova che sempre più persone acquistano medicine – in forma di capsule, compresse e fiale – tramite canali non ufficiali come i siti web non autorizzati: capsule, compresse e fiale che vengono semplicemente spedite nel nostro Paese.

Al primo posto per quanto riguarda i sequestri effettuati in Italia ci sono i farmaci per disfunzioni erettili, che rappresentano il 60% del totale; ma sono tanti anche gli analgesici (3,9%), agli antivirali (2,4%), agli anoressizzanti (2,3%) e agli antinfiammatori (1,9%).

Sull’esito dell’operazione Pangea è intervenuta Federfarma che ha espresso forte apprezzamento per l’attività di indagine e controllo svolta dalle Forze di Polizia nell’ambito dell’operazione. “Il problema della contraffazione dei farmaci è un grave problema a livello mondiale e ancora una volta, il sistema dei controlli in atto nel nostro Paese ha funzionato in modo efficace, a tutto vantaggio dei cittadini – ha affermato il presidente Annarosa Racca – Ricordiamo che comprare farmaci on line da siti non autorizzati è pericolosissimo: i farmaci possono essere privi di principi attivi, con principi attivi diversi da quelli dichiarati e sono sempre mal conservati. Proprio per tutelare i cittadini – ha spiegato Racca – la legge italiana permette l’acquisto online solamente di medicinali senza obbligo di ricetta medica e da siti che fanno capo a farmacie reali, autorizzati dal Ministero della salute e dalle Regioni e riconoscibili da un apposito logo. Il farmaco non è un prodotto qualsiasi ma è un bene delicato, frutto della ricerca scientifica, che va acquistato e utilizzato con cautela, seguendo le indicazioni del medico e avvalendosi della consulenza professionale del farmacista. Ricordiamo, inoltre, che in Italia la farmacia è presente in modo capillare su tutto il territorio ed è sempre raggiungibile in pochi minuti.”

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui