Eseguito a Padova il primo prelievo di rene in chirurgia robotica avanzata; la tecnica comporta notevoli benefici in termini di basse complicanze e velocità dei tempi di recupero

Eseguito con successo a Padova il primo prelievo di rene  in chirurgia robotica avanzata a livello regionale. La nuova tecnica presenta evidenti vantaggi sia per le basse percentuali di complicanze che per i tempi di recupero molto veloci. Ma anche per il minor dolore post operatorio e per i migliori risultati estetici, oltre che per l’eccellente funzionalità del trapianto effettuato.

L’intervento è durato meno di 2 ore e la paziente, una donna di 63 anni, è stata dimessa dopo pochi giorni. L’equipe medica, guidata da Lucrezia Furian e Cristina Silvestre, ha deciso di eseguire l’espianto del rene sano in chirurgia robotica. La Prof.ssa Furian ha eseguito l’operazione manovrando a distanza ravvicinata il robot nell’esecuzione di delicate manovre di chirurgia mini invasiva.

L’elaborazione del software robotico ottimizza la visione e la cura dei dettagli durante l’intervento.

“La visione magnificata, la cura del dettaglio – dove si vedono anche i vasi sanguigni di piccolissime dimensioni – ha consentito di evitare anche il minimo sanguinamento. Sono bastate solo due dita – spiega una nota – per manovrare dei sensibilissimi joystick del robot connessi a strumenti di piccolissime dimensioni di alta precisione”.

Il rene prelevato è stato subito raffreddato in ghiaccio e perfuso con un’apposita soluzione. Quindi, nella sala operatoria sottostante, è intervenuta la 2° equipe guidata da Paolo Rigotti direttore del Centro Trapianti Rene e Pancreas dell’AOU di Padova. Hanno collaborato in questa fase anche il chirurgo Francesco Tuci e il personale anestesiologico, oltre al personale infermieristico e agli operatori tecnici.

Espiantato il rene malato, è stato immediatamente trapiantato l’organo sano. Questo secondo intervento, svoltosi con susseguenza di fasi per via tradizionale, è durato circa un’ora e mezza. Il rene sano trapiantato, nell’arco di 1 ora, ha ripreso prontamente a funzionare.

 

Leggi anche:

ENDOCLAMPAGGIO DELLA AORTA, A SIENA PRIMO INTERVENTO MININVASIVO

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui