Erano già stati condannati due anni fa in primo grado, i quattro medici condannati in appello per il decesso di un bambino di sei anni

È arrivato il verdetto definitivo per i quattro medici condannati in appello nel caso della morte di un bimbo di 6 anni, deceduto all’ospedale San Salvatore de L’Aquila nel 2011.

La Corte d’Appello dell’Aquila ha confermato ieri la condanna a sei mesi di reclusione (coi benefici di legge) per omicidio colposo nei confronti dei quattro sanitari.

Si tratta di M. D. B. (dirigente medico presso il reparto di Chirurgia Ospedaliera), G. F. (dirigente medico dell’unità operativa di Clinica pediatrica), G. N.(direttore dello stesso reparto) e S. M. (medico di turno in Pediatria e Pronto soccorso).

La vicenda

I quattro medici condannati erano coinvolti nel decesso di un bimbo di soli 6 anni, avvenuto il 29 luglio 2011 mentre il piccolo era ricoverato.

Originario di Roma, ma a Montereale per un periodo di vacanza, il bambino aveva accusato forti dolori addominali.

Ricoverato in Pediatria, le sue condizioni erano rapidamente peggiorate fino a condurlo al decesso il giorno seguente al ricovero.

Secondo l’accusa, i quattro medici condannati medici hanno causato la morte per aver omesso l’esatta diagnosi, malgrado gli inequivocabili sintomi della malattia.

In particolare, se M. ed N. “avessero raccolto le indicazioni che il quadro clinico del paziente forniva inconfutabilmente, avrebbero disposto i banali accertamenti diagnostici (ecografia e diretta dell’addome) che avrebbe immediatamente evidenziato la necessità dell’intervento chirurgico e la positiva evoluzione della malattia”, scrivono i giudici.

Quanto a F. e D. B., “hanno avuto la responsabilità del paziente dalle 20 della sera e fino alla mattina successiva in cui il bambino è deceduto”.

Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a redazione@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

DIMESSO CON UN ANTINFIAMMATORIO E POI MORTO, AI PARENTI 1,3 MILIONI

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui