In base al dettato europeo sul trasporto pulito, tra il 2020 e ilo 2030 le emissioni di CO2 delle auto nuove dovranno ridursi del 37,5%. Il Ministro Sergio Costa: giornata importante nel percorso di lotta ai cambiamenti climatici, soddisfatti del contributo fondamentale dell’Italia

Il Consiglio Ue ha dato il via libera definitivo alle nuove regole sul trasporto pulito. Dal 2020 al 2030 le emissioni di CO2 delle auto nuove dovranno ridursi del 37,5%,con un obiettivo intermedio del 15% al 2025. Della stessa proporzione il taglio richiesto al 2025 per le flotte di furgoni e pulmini, per i quali il target al 2030 è fissato al 31%.
Per il Consiglio si tratta di “un altro passo avanti per raggiungere gli obiettivi in materia di clima”. Il tutto “garantendo che i costruttori di automobili contribuiscano agli sforzi di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra”.
La Commissione aveva presentato la proposta di un nuovo regolamento nel novembre 2017, nel quadro del terzo pacchetto sulla mobilità pulita. Il Parlamento europeo ha adottato la propria posizione il 3 ottobre 2018. Il Consiglio si è accordato su una posizione comune il 9 ottobre 2018 e oggi l’ha approvata in via definitiva senza discussione.
“Oggi è una giornata importante nel percorso intrapreso con convinzione, dal nostro Paese e dall’Europa, di lotta ai cambiamenti climatici”. Così il Ministro dell’Ambiente italiano Sergio Costa. “L’Unione – prosegue il titolare del dicastero – ha infatti detto sì, in via definitiva, alle nuove norme sulle emissioni di biossido di carbonio per le auto e i veicoli commerciali leggeri, e siamo soddisfatti del contributo fondamentale dato dall’Italia, che si è impegnata fortemente affinché venissero messi nero su bianco obiettivi più ambiziosi. Siamo felici di esserci riusciti”.
 
Leggi anche:
CRISI CLIMATICA, COSTA: NON C’È TEMPO DA PERDERE
PLASTICA MONOUSO: DAL 2021 IN EUROPA STOP A PIATTI, POSATE E CANNUCCE

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui