Il bando 12/2018 di Cassa Forense prevede un contributo di mille euro destinato ai legali e a titolo di rimborso per la prima casa o il primo studio

Torna il bando di Cassa Forense che prevede un contributo di mille euro per gli avvocati destinato all’acquisto della prima casa o del primo studio nel 2018.

Il bando però, prevede solo la copertura di alcune voci di spesa sostenute per la stipula, e l’importo a disposizione è di soli 350.000,00 euro. Pertanto, chi invia prima la domanda ha più possibilità.

Chi può presentare domanda?

Possono presentare domanda gli avvocati che, alla data di presentazione della stessa, sono iscritti alla Cassa o all’Albo con procedimento di iscrizione alla Cassa in corso, non sono sospesi né cancellati dall’Albo.

Il contributo, che verrà erogato una tantum, e andrà a coprire il 50% delle spese sostenute per i mutui ipotecari stipulati nel 2018 per l’acquisto di immobili, non di lusso, da destinare a prima casa nel comune di residenza o primo e unico studio professionale ricompreso nel circondario dell’Ordine di appartenenza.

L’importo massimo per ogni beneficiario è di mille euro.

Le spese rimborsabili saranno:

  • istruttoria della pratica di mutuo;
  • perizia/consulenza tecnica;
  • pratiche notarili.

Come partecipare

Per partecipare al bando occorre essere in regola con le comunicazioni reddituali alla Cassa. In secondo luogo, avere dichiarato nel Modello 5/2018 un reddito professionale inferiore a € 50.000,00. Chi invece non era tenuto ll’invio del Mod. 5, deve aver prodotto un reddito netto da attività forense inferiore ad € 50.000,00.

Bisognerà poi inviare la domanda con la documentazione richiesta.

Occorrerranno:

1) copia delle fatture o delle ricevute che attestino le spese di concessione del mutuo ipotecario;

2) copia della quietanza di pagamento;

3) attestazione dell’erogazione del mutuo nel 2018 per l’acquisto della prima casa o del primo studio professionale;

4) copia del documento d’identità del richiedente.

Scadenze

La domanda di partecipazione al bando per ottenere il contributo di mille euro deve essere inviata entro le ore 12,00 del 16 gennaio 2019, a pena d’inammissibilità.

L’invio va realizzato solo a mezzo PEC dedicata bandi@cert.cassaforense.it, utilizzando il modulo pubblicato sul sito internet www.cassaforense.it.

I contributi verranno erogati, fino a esaurimento dell’importo previsto, secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda.

I nomi dei beneficiari del contributo di mille euro verranno pubblicati sul sito internet della Cassa Forense, con indicazione del codice meccanografico/numero di protocollo domanda.

 

Leggi anche:
CONTRIBUTO INTEGRATIVO MINIMO, LA CASSA FORENSE LO ABOLISCE PER 5 ANNI

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui