Approvato un emendamento al Dl fiscale che prevede, in materia di assicurazioni auto, la possibilità di beneficiare della fascia assicurativa più bassa fra tutti i veicoli di proprietà del nucleo familiare

Novità in vista in materia di assicurazioni auto. La Commissione Finanze della Camera ha infatti approvato un emendamento al Dl fiscale, a prima firma di Andrea Caso del Movimento 5 Stelle, in base al quale si potrà beneficiare della fascia assicurativa più bassa fra tutti i veicoli di proprietà del nucleo familiare.

Quindi, nel caso si possieda un motorino in 14esima fascia e un’auto in prima  – spiegano i deputati grillini – a partire dal prossimo rinnovo dell’assicurazione anche per il motorino si passerà in prima fascia, con un risparmio sul premio. “Per le famiglie italiane è una boccata d’ossigeno”.

“La nuova norma – commenta il sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze Alessio Villarosa – attribuisce il diritto di assicurare tutti i veicoli posseduti in famiglia con la migliore classe di merito, compresi moto e scooter. Si è creata di fatto una classe di merito unica familiare”.

Tra le altre novità, la discussione sul Dl fiscale in Commissione a Palazzo Montecitorio, ha portato all’abrogazione delle sanzioni per i commercianti che non hanno il Pos per i pagamenti con carta di credito/debito. Ad annunciarlo è lo stesso sottosegretario Villarosa.

Inoltre, vengono rinviate al 6 marzo le multe per chi non si adegui alle nuove norme sui seggiolini auto per i bambini e salgono da uno a 5 milioni gli stanziamenti previsti nel 2020 per le agevolazioni sotto forma di credito di imposta.

E’ stato poi riscritto il calendario fiscale, con la scadenza del 730 che passa dal 23 luglio al 30 settembre. Cresce anche la platea dei contribuenti che possono usare il 730: oltre ai dipendenti e ai pensionati, possono presentarlo anche i titolari di redditi assimilati a quello di lavoro dipendente e i titolari di redditi di lavoro autonomo occasionale.

Infine, viene riaperta per il 2019 e 2020 la compensazione dei crediti commerciali e professionali non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, maturati nei confronti della pubblica amministrazione, con cartelle esattoriali affidate agli agenti della riscossione entro il 31 ottobre 2019.

Leggi anche:

RC AUTO, IVASS: NEL 2018 PREMIO MEDIO IN LIEVE CALO (-1,7%)

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui