L’uomo sarebbe deceduto a causa di una sepsi determinata da una iniezione mal eseguita da un familiare. La Procura apre un’inchiesta per chiarire le cause della tragedia

Sarebbe morto per le complicanze derivanti da una iniezione mal eseguita da un parente. Ma la famiglia vuole fare chiarezza sulla vicenda e verificare se vi siano eventuali responsabilità mediche. La Procura di Nocera Inferiore ha quindi aperto un’inchiesta sul decesso di un operario 47enne originario di Pagani, in provincia di Salerno.

Secondo le prime ricostruzioni, come riporta il Giornale, lo scorso 9 agosto l’uomo avrebbe chiesto a un familiare di somministrargli un antidolorifico intramuscolo. Accusava un forte mal di schiena. Poco dopo l’iniezione sia il gluteo che la gamba destra avrebbero cominciato a gonfiarsi. Di qui la decisione di recarsi in Pronto soccorso, a Nocera Inferiore.

I medici avrebbero diagnosticato al paziente un ascesso, prescrivendo l’assunzione di un antinfiammatorio per tre giorni. Il medicinale però non avrebbe fatto effetto, costringendo l’uomo a tornare in ospedale. Questa volta, il personale sanitario avrebbe optato per l’esecuzione di un piccolo intervento chirurgico consistente nell’incisione dell’ascesso per drenarne il contenuto.

Poche ore dopo le dimissioni il 47enne avrebbe cominciato ad accusare forti dolori, anche all’addome.

Recatosi nuovamente in ospedale sarebbe stato rassicurato dai sanitari che lo avrebbero rimandato a casa. Al peggiorare delle sue condizioni, tuttavia, i familiari hanno deciso di chiamare il 118. L’operaio, quindi, è stato trasportato all’ospedale di Nocera Inferiore, per poi essere trasferito per mancanza di posti letto presso il nosocomio Villa Malta di Sarno.

Qui, lo scorso 17 agosto, è sopraggiunto il decesso, probabilmente a causa di una sepsi oramai troppo estesa, che avrebbe provocato un arresto cardiaco. I parenti chiedono ora che vengano accertate le cause della morte. Le prime risposte sono attese dall’esame autoptico, la cui esecuzione è prevista nelle prossime ore.

 

Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a redazione@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

 

Leggi anche:

DIMESSO DOPO UN INCIDENTE STRADALE, MUORE POCO DOPO: SI INDAGA

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui