Cosa è coperto dalla legge sulla privacy e cosa no. La sentenza in esame fa chiarezza

Fin dove arriva la tutela imposta dalla legge sulla privacy e quali dati sono coperti e quali no? In parte risponde a  questa domanda la sentenza n. 19327/2020 della Suprema Corte di Cassazione.

Il caso riguarda il ricorso proposto dinanzi al Tribunale di Napoli da un condomino che riteneva vi fosse stata una violazione della propria privacy ad opera di un funzionario del comune di Napoli e dell’amministratore del condominio.

Il ricorrente chiedeva che il Tribunale di Napoli si pronunciasse dichiarando la nullità dell’atto viziato. Si costituivano i convenuti chiedendo il rigetto integrale delle pretese di parte attrice.

Parte ricorrente osservava che “vi era stata violazione delle regole in tema di dati personali, in difetto di autorizzazione della parte interessata e di un rituale accesso da parte del terzo, portatore di interesse concreto connesso ad una sua virtuale tutela giurisdizionale, mentre il Giudice aveva omesso qualsiasi valutazione dell’operato della Pubblica Amministrazione.”

La Suprema Corte motivando il rigetto del ricorso proposto ha scritto: “per “comunicazione” (lett. l)) s’intende “il dare conoscenza dei dati personali a uno o più soggetti determinati diversi dall’interessato, dal rappresentante del titolare nel territorio dello Stato, dal responsabile e dagli incaricati, in qualunque forma, anche mediante la loro messa a disposizione o consultazione” e invece per “diffusione” (lett. m)) “il dare conoscenza dei dati personali a soggetti indeterminati, in qualunque forma, anche mediante la loro messa a disposizione o consultazione”.

Nel caso specifico non si verteva in tema di informazioni relative alla persona fisica del ricorrente perchè le informazioni trasmesse riguardavano un immobile, la sua regolarità edilizia e amministrativa e, più in particolare, gli esiti di procedimenti amministrativi in sanatoria relativi a una pratica edilizia.

                                                     Avv. Claudia Poscia

Hai vissuto una situazione simile? Scrivi per una consulenza gratuita a redazione@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

Fascicolo sanitario elettronico e privacy, i chiarimenti del Garante

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui