Compagnie di assicurazione e intermediari dovranno aderire ai sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie e informarne i contraenti

La risoluzione stragiudiziale delle controversie arriva anche in ambito assicurativo.

Il provvedimento entrerà in vigore dal 1° luglio 2018. La disciplina della risoluzione stragiudiziale delle liti è il frutto di quanto stabilito dal decreto legislativo n. 68/2018, pubblicato in G.U. n. 138 e attuativo della direttiva (UE) 2016/97 relativa alla distribuzione assicurativa.

Il provvedimento

La norma apporta rilevanti modifiche al Codice delle assicurazioni private (d.lgs. n. 209/2005) introducendo novità importanti.

Queste riguardano innanzitutto la disciplina della distribuzione assicurativa allo scopo di allineare la normativa nazionale alle più recenti disposizioni introdotte proprio dalla direttiva europea IDD.

Gli interventi riguardano la risoluzione stragiudiziale delle controversie, l’organismo di registrazione degli intermediari assicurativi e riassicurativi e il coordinamento delle disposizioni normative e regolamentari in materia di prodotti di investimento al dettaglio e assicurativi pre-assemblati. Infine, anche la modifica dell’impianto sanzionatorio di imprese e distributori.

In merito ai prodotti di investimento assicurativi, il decreto fa alcune precisazioni importanti.

In primis, stabilisce che i poteri di vigilanza e controllo saranno esercitati da IVASS e CONSOB coerentemente con le rispettive competenze.

Nuovi interventi sono stati effettuati anche sul TUF. Il tutto, al fine di adeguare l’ambito di competenza della Consob in relazione ai poteri di vigilanza, di indagine e sanzionatori sui prodotti assicurativi d’investimento. L’obiettivo era renderli coerenti con i criteri di delega.

Ivass e Consob, infatti, dovranno accordarsi sulle modalità di esercizio dei poteri di vigilanza, secondo le rispettive competenze, in modo da ridurre gli oneri a carico dei soggetti vigilati.

Ma non è tutto.

Il decreto prevede anche il rafforzamento del sistema sanzionatorio per la violazione delle norme sulla distribuzione assicurativa.

Verranno previste sanzioni amministrative pecuniarie anche per le persone fisiche oltreché a quelle giuridiche. Così come sono previste misure sanzionatorie a carattere non pecuniario.

In merito alla risoluzione stragiudiziale delle controversie, di questo si occuperà il nuovo art. 187-ter (Sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie). Questo è stato aggiunto nel d.lgs. n. 209/2005.

La norma stabilisce che compagnie di assicurazione e gli intermediari assicurativi aderiranno ai sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie.

A determinare i criteri di svolgimento delle procedure di risoluzione delle controversie sarà un decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro della giustizia e su proposta dell’IVASS.

Questo fisserà anche i criteri di composizione dell’organo decidente allo scopo di assicurare l’imparzialità dello stesso e la rappresentatività dei soggetti interessati. Stesso dicasi per la natura delle controversie, relative alle prestazioni e ai servizi assicurativi derivanti da un contratto di assicurazione.

Le procedure, precisa il d.lgs., dovranno in ogni caso assicurare la rapidità, l’economicità e l’effettività della tutela.

Nel medesimo decreto, si chiarisce che gli stessi intermediari assicurativi e le compagnie di assicurazione dovranno dare apposita informativa precontrattuale delle procedure che consentono ai contraenti e agli altri interessati di presentare reclamo. Lo stesso vale per l procedure di risoluzione stragiudiziale delle controversie di cui all’articolo 187-ter.

Infine, l’informativa dovrà essere fornita al contraente prima della conclusione del contratto e in caso di successive modifiche di rilievo o di rinnovo.

 

Leggi anche:

DANNO DA CIRCOLAZIONE STRADALE E RICHIESTA RISARCITORIA: NEL DUBBIO MEGLIO “ABBONDARE”

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui