Due anni di reclusione per un automobilista ritenuto responsabile del decesso di un ventenne morto in seguito a uno scontro frontale fra veicoli in provincia di Belluno

Due anni di reclusione (con pena sospesa) e quattro anni di sospensione della patente. Il Giudice per le udienze preliminari presso il Tribunale di Belluno ha accolto la richiesta di condanna avanzata dal Pubblico ministero nei confronti di un automobilista accusato di omicidio stradale in seguito a uno scontro frontale con un altro veicolo che aveva provocato la morte di un ventenne, oltre al ferimento di tre persone. Il verdetto tiene conto del concorso di colpa della vittima, che – come evidenziato dalla difesa – non aveva rispettato lo stop e non indossava le cinture di sicurezza.

Il fatto, come ricostruito dal Corriere delle Alpi, risale al settembre di tre anni fa. L’incidente si era verificato in orario notturno, all’altezza di un incrocio. In base a quanto appurato dagli investigatori, la vittima si era immessa su una strada provinciale mentre sopraggiungeva l’auto guidata dall’imputato.

In seguito all’urto, il 20enne veniva catapultato all’esterno della sua vettura battendo violentemente la testa e perdendo la vita.

L’automobile dell’imputato, sulla quale viaggiavano altre due persone, era finita sulla scarpata opposta. Il conducente era stato soccorso dall’ambulanza del 118 e trasportato in ospedale, dove veniva ricoverato in Rianimazione, non in pericolo di vita, ma con un grave politrauma.

Uno dei due trasportati era stato ricoverato in prognosi riservata in Terapia intensiva nello stesso nosocomio e aveva dovuto subire un intervento d’urgenza. Il terzo ferito, invece, aveva riportato traumi toracico-addominali con contusione degli organi interni e fratture ed era stato portato in un’altra struttura sanitaria in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita.

Hai vissuto una situazione simile? Scrivi per una consulenza gratuita a incidentistradali@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

Sinistro stradale per investimento del pedone

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui