Il codice della privacy richiede che il consenso sia espresso solamente in caso di diffusione dei dati e non quando questi siano destinati a scopi meramente personali

La riforma del condominio del 2012 ha disciplinato l’utilizzo degli impianti di videosorveglianza sulle parti comuni dell’edificio mediante l’introduzione nel codice civile di un nuovo articolo. Tale disposizione (art. 1222-ter), andando a colmare un vuoto normativo,  stabilisce che l’approvazione delle delibere concernenti l’installazione delle telecamere all’interno del condominio richiede un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio.

La nuova normativa è stata pienamente recepita, a livello giurisprudenziale, con dalla sentenza n. 3977/2015 pronunciata dal Tribunale di Roma in merito all’azione intrapresa da un uomo che non era favorevole alla predisposizione della videosorveglianza nel proprio complesso abitativo. Il giudice, tuttavia, ha respinto le sue doglianze chiarendo come l’installazione delle telecamere, anche se effettuata da un solo condomino, non necessiti dell’approvazione unanime di tutti gli altri.

Nel caso specifico, infatti, i sistemi installati non erano indirizzati su parti che potevano essere definite come rientranti nei concetti di domicilio e privata dimora. Le sei telecamere puntavano sul cortile del fabbricato e sul relativo accesso, ovvero parti destinate all’utilizzo di un numero indeterminato di soggetti. Inoltre, le finestre inquadrate erano solo quelle del condomino che aveva provveduto all’installazione.

In tale contesto, dunque, non ci si poteva appellare alla tutela del diritto alla privacy. Il codice a garanzia dei dati personali stabilisce, infatti, che il consenso espresso risulta necessario solamente nei casi in cui i dati raccolti siano destinati alla comunicazione; una fattispecie non riguardante il caso in questione in cui i dati erano invece destinati a scopi di carattere meramente personale, rendendo irrilevante la mancanza del consenso stesso.

 

LEGGI ANCHE:

Ascensore malfunzionante, il condominio è responsabile per i danni

Affiggere la lista dei condomini morosi è diffamazione

Condotte ‘inurbane, le abitudini mattutine possono costare caro

 

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui