Ha fatto causa, l’ha vinta e ora, dopo il parto, potrà portare con sé la placenta che ha nutrito il feto per nove mesi. E’ la storia di Jordan Thiering, 25enne del Mississipi, che alla fine del mese darà alla luce il suo primo figlio, e grazie alla vittoria della singolare causa intentata contro la Stato del Mississipi, avrà il diritto di portarsi a casa non solo il figlioletto, ma l’intera placenta.

Probabilmente, la neo-mamma vorrà mangiare la placenta, convinta delle proprietà nutritive della sostanza. La placenta in questi casi viene ridotta in forma di polvere e assunta all’interno di una capsula o sciolta in frullati. Una pratica che negli Stati Uniti sta prendendo piede anche a seguito di prese di posizione pubbliche in tal senso da parte di rinomate star dello show-business.

Va peraltro ricordato che allo stato attuale non vi sono dati scientifici a dimostrare l’utilità di tale pratica. Nonostante ciò, si sta diffondendo la credenza che mangiare la placenta possa aiutare le neo-mamme a contrastare la depressione post-partum e fianco ad aumentare la produzione di latte.

Per ottenere tutto ciò, la ragazza ha dovuto intentare questa singolare azione legale – sostenendone di tasca propria le spese – a causa del fatto che il ministero della Salute del Mississipi non permette alle madri di portare a casa la propria placenta, a meno che sia stato emesso uno specifico ordine di tribunale in questo senso.

“Dover ottenere l’ordine di un tribunale per avere il possesso di qualcosa che è cresciuto all’interno del proprio corpo è totalmente folle”, ha dichiarato Jordan ai media, osservando che per molte donne i costi legali sono insostenibili. “Questa placenta ha dato la vita al mio bambino e questa è la ragione principale per cui la voglio – ha dichiarato ancora – non mi importa se la gente pensi che è strano o sgradevole”.

La vittoria nella causa potrebbe avere effetti non solo sulla ragazza che l’ha promossa, e potrebbe finire con l’aiutare tutte le donne che volessero seguirne l’esempio: lo Stato del Mississipi starebbe infatti prendendo in considerazione l’idea di cambiare le regole in vigore, di modo che sia automaticamente permesso alle donne di tenere la propria placenta, senza dover promuovere un’azione legale.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui