Agli indagati sono contestati, tra gli altri reati, il falso ideologico e la frode processuale per certificazioni psichiatriche false

Utilizzo illecito di certificazioni psichiatriche rilasciate da un Dirigente medico Psichiatra in servizio presso il C.S.M. dell’ASL – Distretto 4 – di Fondi, già tratto in arresto per corruzione, mediante l’esibizione delle stesse presso le Commissioni Medico Legali dell’ASL, dell’INPS, ovvero ai Consulenti Tecnici nominati dai Tribunali del Lavoro e dai Tribunali di Sorveglianza.

Sono le accuse mosse dalla Procura della Repubblica di Latina nei confronti di 36 persone deferite in stato di libertà nell’ambito del prosieguo delle indagini dell’operazione convenzionalmente denominata “Certificato pazzo”.

Le condotte degli indagati erano finalizzate a trarre in inganno le citate Autorità per ottenere indebiti benefici di cui alla Legge n.104/1992 (Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale ed i diritti delle persone portatrici di handicap), alla Legge n. 68/1999 (Norme per il diritto al lavoro per i disabili) oppure per il differimento della pena detentiva in corso.

Le indagini, svolte dai Carabinieri del Nas del capoluogo pontino, avevano già portato, a parziale conclusione di mirati e scrupolosi approfondimenti d’indagine, all’esecuzione di 11 ordinanze di custodia cautelare e di altrettanti decreti di sequestro preventivo, emessi dal Tribunale di Latina nel 2019, oltre al deferimento in stato di libertà di altre 70 persone.

Agli indagati l’Autorità Giudiziaria contesta, a vario titolo, i reati di “frode processuale”, “false dichiarazioni o attestazioni in atti destinati all’Autorità Giudiziaria o alla Corte Penale Internazionale”, “falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiali in atti pubblici”, “uso di atto falso” ed “errore determinato dall’altrui inganno”.

Ulteriori posizioni – fanno sapere in una nota i Nas – risultano tutt’ora al vaglio degli investigatori e della Procura della Repubblica di Latina nonché all’INPS che provvederà agli accertamenti di sua competenza.

Leggi anche:

FALSI CERTIFICATI MEDICI PER INSCENARE INCIDENTI, 25 INDAGATI IN ABRUZZO

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui