Danno dinamico relazionale e ulteriori chiarimenti della Suprema Corte (Cassazione civile, sez. VI, dep. 22/06/2022, n. 20183).

Danno dinamico relazionale: ancora i chiarimenti della Cassazione sulla liquidazione della voce.

Con la decisione qui a commento gli Ermellini ribadiscono a chiare lettere che danno biologico e danno dinamico-relazionale costituiscono il medesimo pregiudizio.

La interessante decisione trae origine da un sinistro stradale. Il danneggiato cita a giudizio dinanzi il Giudice di Pace l’Assicurazione del veicolo su cui era trasportato, il proprietario del veicolo responsabile e la relativa Assicurazione onde ottenere il ristoro dei danni per le lesioni fisiche patite.

Il Giudice di Pace dichiarava improcedibile la domanda.

Adito in appello il Tribunale di Parma, la domanda veniva rigettata con condanna alle spese.

Nello specifico, la domanda veniva dichiarata infondata solo a seguito del deposito della CTU in sede di appello, e il Giudice osservava che, alla luce dei postumi permanenti quantificati nella misura del 2% e della invalidità parziale stimata, spettava in base alle tabelle l’importo complessivo di Euro 2.588,54, di cui Euro 1.409,72 per il danno biologico ed Euro 1.178,82 per I.T.P., importo con rivalutazione ed interessi corrispondente a Euro 2.647,45 e complessivamente da intendere risarcito ante causam dall’appellante. Aggiungeva, inoltre, il Giudice d’appello, che non risultavano ulteriori somme liquidabili a titolo di aumento per danno morale o danno esistenziale, non risultando al riguardo nessuna circostanza specifica allegata dalla parte attrice.

Il danneggiato ricorre in Cassazione denunciando l’omessa considerazione dell’aspetto della sofferenza interiore, che quello del danno dinamico-relazionale ed in particolare, quanto a quest’ultimo, l’aumento personalizzato del danno biologico. Lamenta, inoltre, la errata liquidazione delle spese di lite.

La prima censura è inammissibile.

Danno biologico e danno dinamico-relazionale, ribadiscono gli Ermellini, individuano il medesimo pregiudizio, atteso che con il secondo si identificano i pregiudizi di cui è già espressione il grado percentuale di invalidità permanente.

Invece, la personalizzazione del danno biologico che comporta l’incremento della misura standard prevista dalla legge (o dal criterio equitativo uniforme adottato dagli uffici giudiziari di merito), presuppone la presenza di conseguenze anomale, straordinarie o del tutto peculiari e  il danno morale soggettivo, liquidabile in via ulteriore rispetto alla componente del danno biologico, deve essere provato anche in via presuntiva.

Difatti, rimarca la Suprema Corte,  il D.Lgs. n. 209 del 2005, art. 139, comma 3, subordina la possibilità di aumentare il risarcimento, alla ricorrenza di un’incidenza della menomazione in maniera rilevante su specifici aspetti dinamico-relazionali documentati e obiettivamente accertati, ovvero abbia causato una sofferenza psico-fisica di particolare intensità.

La censura del ricorrente è carente di specificità. Non vengono indicati specifici presupposti giustificativi dell’aumento, ma viene invocato genericamente il risarcimento per sofferenza interiore e l’incremento del quantum alla luce di una generica personalizzazione, che non può essere riconosciuta proprio in virtù del fatto che le voci di danno lamentate rappresentano il medesimo pregiudizio.

Anche il secondo motivo è inammissibile.

La censura è estranea alla ratio decidendi, ed è pertanto priva di decisività, atteso che il Tribunale ha espressamente determinato il compenso del difensore con riferimento alla fase decisoria.

Pertanto, il ricorso viene dichiarato complessivamente inammissibile con condanna alle spese.

Avv. Emanuela Foligno

Leggi anche:

Corte Suprema degli Stati Uniti sull’aborto

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui