Sintomi tra loro molto diversi, come mal di schiena e colon irritabile, possono riferirsi tutti alla stessa sindrome, è il caso della fibromalgia.

Lady Gaga ha annunciato che alla fine del suo tour si prenderà una pausa a causa della fibromalgia. Ma di cosa si tratta e come si riconosce questa malattia?
La fibromalgia è una sindrome multifattoriale che può essere molto invalidante anche perché è difficile da scoprire.
Conosciuta già nel 1800, solo a partire dal 1990 con la definizione dei criteri diagnostici, la fibromalgia è riconosciuta e diagnosticata a livello internazionale.
Colpisce circa 1.5 – 2 milioni di italiani. La fibromalgia è molto più frequente nel sesso femminile rispetto a quello maschile (da 5 a 20 volte) e l’esordio dei sintomi si verifica più spesso nella classe di età compresa tra i 20 e i 30 anni

Sintomi della malattia

La fibromalgia, come spiega Stefano Stisi presidente del Collegio Reumatologi Italiani, è una ipersensibilizzazione del sistema nervoso centrale, che fa percepire il dolore in modo amplificato.
Le persone affette da fibromalgia hanno come sintomo predominante il dolore. Un dolore che si manifesta generalmente in tutto il corpo accompagnato da sensazioni di rigidità, contrattura e bruciore. Si avverte dolore principalmente ai muscoli accompagnato da un senso di malessere generale.
Un altro sintomo tipico della sindrome fibromialgica è l’astenia. Un affaticamento moderato o severo di cui soffre circa il 90% dei pazienti affetti da fibromalgia.
Inoltre molti pazienti riscontrano anche disturbi del sonno. Sebbene ci si addormenti con una certa facilità, al mattino – riferiscono i pazienti – ci si sente stanchi come se non si fosse mai andati a letto. Questo succede perché la fase rem del sonno è disturbata, con risvegli continui. Disturbi del sonno si possono associare anche ad apnee notturne o alla “sindrome delle gambe senza riposo”.
Si possono infine rilevare sintomi molto diversi tra loro come la cefalea muscolotensiva o emicranica, il colon irritabile, le parestesie ossia dei formicolii, gonfiore alle mani, bruciore alle urine, dolore al torace, perdita di memoria, difficoltà a concentrarsi e disturbi della sfera affettiva come l’ansia o la depressione.
I fattori esterni diversi sono in grado di provocare un peggioramento della sindrome. Fattori climatici sopratutto nelle stagioni “di passaggio” e nei periodi di grande umidità, fattori ormonali e stressanti provocano un peggioramento della sindrome.

Le linee guida per la diagnosi

La fibromalgia è caratterizzata da sintomi tra loro eterogeni, tipici anche di altre malattie, per questo è di difficile individuazione. Esistono però delle specificità della malattia che permettono di farla emergere dai molteplici sintomi che la caratterizzano.
Negli ultimi anni sono state definite delle linee guida per l’individuazione di questa sindrome. In particolare si ritiene che un paziente è affetto da fibromalgia quando oltre al dolore muscoloscheletrico diffuso si presentano anche specifiche aree algogene alla digitopressione (tender points), ossia aree specifiche di dolore.
I tender points – criteri classificativi e diagnostici dell’American College of Rheumatology definiti nel 1990 – possono essere latenti e il dolore di può manifestare solo dopo la digitopressione.
La diagnosi viene fatta sui segni – ossia ciò che il medico riscontra durante la visita – e i sintomi descritti dal paziente. Non tutti i medici sono in grado di diagnosticare questa sindrome, i più indicati sono i reumatologi in grado di riconoscere e stimolare i tender points.

La cura

L’approccio terapeutico alla fibromalgia comprende non solo farmaci ma anche programmi educativi, tecniche di rilassamento e programmi di esercizio fisico.
Un mix di tecniche che non servono a curare questa sindrome, per cui non è stata ancora scoperta una cura definitiva, ma aiutano il paziente a vivere meglio risolvendo o alleviando singoli sintomi.

Barbara Zampini

 

Leggi anche  

DOLORI MUSCOLO-SCHELETRICI: UN COSTO ESOSO PER LA SANITÀ PUBBLICA
 

1 commento

  1. Buonasera
    ho tutti i sintomi sopra citati sto male tutti i giorni, be mi dicono non hai nulla non pensarci, ma è impossibile.
    Ho dolori al viso, alle braccia alle gambe. Ho fatto tac, esami ma non è mai uscito nulla.
    Non so più che fare, sono stanca.

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui