Nelle prossime ore il Gup di Palermo dovrà pronunciarsi sulla richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla Procura nei confronti dei professionisti indagati per il decesso di una paziente morta dopo essere stata ricoverata per una colica

E’ in programma in queste ore l’udienza preliminare che vedrà comparire davanti al Gup del Tribunale di Palermo quattro medici in servizio nel dicembre 2017 nel Policlinico del capoluogo siciliano. Tra loro anche il responsabile dell’unità operativa di endoscopia digestiva e il direttore della chirurgia generale d’urgenza. I professionisti erano finiti nel registro degli indagati con l’ipotesi di reato di omicidio colposo, in seguito al decesso di una paziente di 70 anni. La donna era stata ricoverata per una colica ma, secondo l’ipotesi accusatoria, non le sarebbe stata somministrata la necessaria terapia antibiotica e non sarebbe stato eseguito l’intervento di rimozione della colecisti.

Dopo la morte, i familiari avevano presentato un esposto che aveva portato all’apertura di un’inchiesta per fare luce sulle cause della tragedia, nonché sulla sussistenza di eventuali responsabilità sanitarie.

La Procura, a conclusione delle indagini, ha ritenuto che i camici bianchi abbiano agito con “imprudenza consistita in particolare nel non aver predisposto, durante il ricovero alla luce dei dati clinici e di laboratorio indicativi di progressiva evoluzione verso uno stato settico con coinvolgimento multiorgano, nuova e adeguata terapia antibiotica”.

Inoltre, nella richiesta di rinvio a giudizio, il Pubblico ministero titolare del fascicolo contesta ai professionisti di aver “optato per una bonifica della calcolosi coledocica, in luogo dell’intervento di colicistectomia ed eventuale coledocotomia con apposizione di drenaggio, trattamento idoneo e indicato nel caso concreto secondo le buone pratiche in ambito chirurgico, al fine di rimuovere la causa flogistica-settica e la conseguente sepsi”.

Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a medicolegale12@gmail.com o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

ARTROPLASTICA FATALE, DONNA MUORE IN SALA OPERATORIA

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui