La Procura di Lecce ha aperto un’inchiesta sul decesso di un uomo di 79 anni morto per uno shock settico in fascite necrotizzante dopo un intervento per l’inserimento di un sondino nello stomaco

Due medici in servizio presso un presidio ospedaliero della provincia di Lecce sono finiti nel mirino della Procura del capoluogo di provincia salentino nell’ambito dell’inchiesta sul decesso di un uomo di 79 anni. Sono accusati, nello specifico, di responsabilità colposa per morte in ambito sanitario. L’anziano, come riporta il Corriere Salentino, sarebbe morto per uno shock settico in fascite necrotizzante, una grave infezione scaturita da un presunto errore medico nel corso di una Gastrostomia Endoscopica Cutanea (PEG).

Si tratta di un intervento consistente nel posizionare un dispositivo in materiale plastico nello stomaco attraverso la parete addominale, in modo da collegare, mediante un sondino per l’alimentazione artificiale, la cavità gastrica verso l’esterno.

In base all’ipotesi accusatoria, riportata dal Corriere Salentino e al vaglio degli inquirenti, i camici bianchi avrebbero inserito il tubicino nei muscoli dell’addome e non nello stomaco, determinando così l’insorgere del processo infettivo.

L’uomo, dopo l’operazione, sarebbe stato dimesso e riaccompagnato a casa. Nel giro di poche ore, tuttavia, le sue condizioni sarebbero peggiorate tanto da rendere necessaria una nuova corsa in ospedale, questa volta a Lecce.

Il paziente – come riferisce ancora il quotidiano online locale –  sarebbe stato ricoverato in terapia intensiva in codice rosso e sottoposto a una tac, che avrebbe evidenziato il presunto errato posizionamento del sondino.

Nonostante il tentativo dei medici di curarlo in laparatomia, ll 79enne non è sopravvissuto agli effetti dell’infezione. La magistratura ha aperto un fascicolo sul caso disponendo lo svolgimento dell’esame autoptico, che ha avuto luogo alla presenza dei consulenti di parte. Dagli accertamenti medico legali si attendono ora risposte circa la sussistenza di eventuali colpe, negligenze o imprudenze dei camici bianchi.

Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a medicolegale12@gmail.com o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

AMPUTAZIONE PARZIALE DEL BRACCIO DOPO ERRORI MEDICI, PAZIENTE RISARCITA

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui