“Quattordici sono i ‘biomarcatori’ nel sangue, maggiormente in grado di influenzare il rischio di morte”, lo ha rivelato uno studio del Max Planck Institute for Biology of Ageing

Il problema più importante, quello della morte, è trattato sempre e solo da incompetenti. Non conosciamo il parere di nessun esperto”, scriveva Francesco Burdin.

Ebbene, pare che da qualche tempo, qualcuno stia per smentire questa affermazione.

Un test su un esame del sangue per capire se entro dieci anni moriremo, non è fantascienza, ma il risultato di un nuovo studio, condotto dai ricercatori del Max Planck Institute for Biology of Ageing, pubblicato su ‘Nature Communications‘.

La notizia ha fatto subito il giro del mondo. Il team, guidato dal dottor Joris Deelen, ha analizzato per 16 anni, il sangue di 44.168 adulti di età compresa tra 18 e 109 anni. Durante questo periodo sono morti 5.512 partecipanti.

I 14 biomarcatori che influenzano il rischio di morte

Cosicché i ricercatori hanno individuato quali fossero i ‘biomarcatori’ più alti in coloro che vivevano più a lungo e li hanno utilizzati per determinare il rischio di mortalità. 

In particolare, sarebbero 14 i ‘biomarcatori’ nel sangue in grado di influenzare maggiormente il rischio di morte; gli stessi che gli studiosi hanno preso in considerazione durante la ricerca.

Peraltro, il test – come riporta l’Adnkronos – è risultato più accurato del 10% rispetto agli altri ‘predittori’ di aspettativa di vita attualmente esistenti.

Ma secondo i ricercatori, si tratta soltanto di una prima sperimentazione; certo un “passo avanti emozionante” ma – avvertono – saranno “necessari ulteriori ricerche prima che un test del genere possa essere utilizzato come esame convenzionale”.

Gli scienziati sperano, tuttavia che il test possa servire in futuro per valutare meglio il trattamento di alcuni pazienti, “ad esempio se una persona anziana è troppo fragile per subire un intervento chirurgico”.

Leggi anche:

DEMENZA SENILE E PRESSIONE ALTA: NUOVI STUDI SU UN POSSIBILE LEGAME 

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui