Una giovane vita sottratta alla famiglia! Un caso da non dimenticare!

0

È incredibile come si sia voluto nascondere ciò che era evidente. Una diagnosi ritardata, una vita spezzata, e un giudizio di “esperti” che hanno solo evidenziato la loro cecità clinica e giuridica.
Oltre al danno anche la beffa di chi ancora piange la giovane madre!
Insomma, vi stiamo rappresentando una storia assurda taciuta da chi doveva dire la verità ma non lo ha fatto, nascondendola a tutti tranne che a noi e al Padre Eterno che saprà giudicare con lo stesso metro!
Ecco perché il ruolo del C.T./perito deve essere un’attività incompatibile con altri incarichi di fiduciariato e perché devono essere previste per legge sanzioni pesanti per colpa anche lieve e non grave come specifica l’art. 64 cpc.
Questa non è solo polemica ma un voler tutelare la professionalità, il cittadino che ricorre alla giustizia, la categoria dei periti i quali NON devono fare questo lavoro per arrotondare ma solo per amore per la verità e per il piacere di essere veri cultori forensi.
Comunque, siamo in causa e vi terremo aggiornati.
Leggi l‘intera storia e la relazione medico legale

Ritieni anche tu di essere vittima di errori medici? Chiama Responsabile Civile per una consulenza gratuita con i nostri esperti al numero 06/69320026 o scrivi alla redazione: redazione@responsabilecivile.it

 
 

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui