I Senatori pentastellati: bye bye vitalizi, risparmiati 56 milioni. Martina (PD): temo che sia incostituzionale

Con dieci voti favorevoli e un astenuto, il consiglio di presidenza del Senato ha approvato la delibera sul taglio dei vitalizi. Alcuni senatori del Movimento 5 Stelle hanno esultato nel cortile di Palazzo Madama, dove si sono fotografati tra loro mostrando cartelli gialli con la scritta ‘Byebye vitalizi anche al Senato’.

Il flashmob, con tanto di finte monete e un doppio striscione con la scritta “56 milioni di euro risparmiati” è stato interrotto dai commessi. All’interno del Senato, infatti, vige il divieto di fare foto. I festeggiamenti sono quindi proseguiti davanti Palazzo Madama dove simbolicamente i pentastellati hanno infilato a turno finte monete da 1 euro in un salvadanaio gigante.

“La riduzione di sprechi e costi della politica è anch’essa una misura di equità sociale, un segno di attenzione che la ‘buona’ politica deve offrire per poter parlare con credibilità ai cittadini”. Così il premier Giuseppe Conte in un tweet seguito dall’hashtag #ByeByeVitalizi.

Ha affidato il suo commento ai social anche il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio.

“Detto, fatto. Promessa mantenuta. Bye bye vitalizi anche per gli ex senatori. Questo privilegio non esisterà più per nessuno. Evviva!”. Questo il suo messaggio su Instagram.

Soddisfazione anche dai senatori della Lega. “Anche il Senato dice stop a vecchi e assurdi privilegi – affermano Paolo Arrigoni, Roberto Calderoli, Tiziana Nisini e Paolo Tosato -. Abbiamo agito in tempi rapidissimi, per portare avanti una battaglia della Lega e per mantenere una promessa che le forze del Governo del Cambiamento hanno fatto ai cittadini. Dalle parole ai fatti, contro i privilegi di pochi, in favore di tutti gli italiani”.

Al momento del voto erano invece usciti dall’aula i rappresentanti del Partito Democratico e di Forza Italia. “Sui vitalizi noi siamo favorevoli, come abbiamo sempre detto – ha detto il segretario del Pd Maurizio Martina -. Siamo usciti dall’aula per evitare ricorsi, che saranno tantissimi. Temo che sia incostituzionale. E’ giusto farlo ma bisogna farlo bene”.

 

Leggi anche:

DECRETO SEMPLIFICAZIONI: ECCO LA PROPOSTA DI LEGGE LEGA-M5STELLE

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui