Scoperto dai Carabinieri un asilo abusivo a 60 km da Cagliari privo dei requisiti richiesti dalla legge. I responsabili sono stati segnalati all’Autorità amministrativa

Il Sindaco di Villacidro, in Sardegna, ha emesso un’ordinanza di chiusura di un asilo abusivo ubicato in campagna, a circa 60 km da Cagliari. I responsabili della scuola dell’infanzia, frequentata quotidianamente da decine di bambini, sarebbero risultati privi di qualsiasi autorizzazione. Si tratta, nello specifico, di un uomo di 38 anni e di una donna di 54, che sono stati quindi segnalati all’autorità amministrativa.
La struttura è finita nel mirino dei carabinieri in seguito a una segnalazione anonima giunta agli specialisti del Nucleo Anti Sofisticazioni. I militari della locale Compagnia, peraltro, avevano già notato nei pressi dello stabile uno strano via vai di auto da cui scendevano adulti e bambini. In particolare tra le 8 e le 9 di mattina e poi di nuovo nel pomeriggio.

Le indagini, partite circa due mesi fa ed effettuate mediante appostamenti in loco, hanno consentito di scoprire l’attività illecita.

I bambini venivano accompagnati al mattino e trascorrevano nella scuola abusiva gran parte della giornata, consumando il pranzo fornito dai familiari. Nel pomeriggio i genitori tornavano a prenderli.
Nelle scorse ore è scattato il blitz degli uomini dell’Arma accompagnati dal personale dei servizi sociali del Comune. L’ispezione avrebbe appurato la totale mancanza dei requisiti richiesti per l’avvio di una struttura scolastica. Ai responsabili sarebbe stata quindi contestata la “mancata autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia”.
Sono ancora in corso le indagini per stabilire come e perché i responsabili abbiano attivato l’asilo. Secondo quanto riportato da Repubblica la struttura sarebbe stata molto richiesta, tanto che alcuni bambini sarebbero arrivati anche da paesini distanti 20 km. Tra i motivi potrebbe esserci anche la circostanza che la scuola non avrebbe richiesto i certificati vaccinali di rito.
 
Leggi anche:
OBBLIGO VACCINALE, MINACCE E AUGURI DI MORTE PER IL SINDACO DI RIMINI
 

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui