Due ginecologi e un’ostetrica finiranno a giudizio per il decesso di un bimbo nato morto nel giugno del 2016. Secondo l’accusa “avrebbero trascurato una grave sofferenza fetale” e non avrebbero provveduto “a espletare celermente il parto con cesareo”

Il Giudice per le indagini preliminari ha rinviato a giudizio con l’ipotesi di reato di  omicidio colposo due ginecologi e un’ostetrica in servizio presso l’ospedale di Lucca. I tre operatori sanitari sono accusati di omicidio colposo in relazione al decesso di un bimbo nato morto il 30 giugno del 2016.

In base a quanto ricostruito dal quotidiano toscano La Nazione, la gravidanza della mamma era stata regolare. All’avvicinarsi del parto, tuttavia, sarebbero insorte delle complicazioni. Per l’accusa, nello specifico, durante il travaglio la ginecologa e l’ostetrica di turno non avrebbero valutato con attenzione il tracciato cardiotocografico dalle 13.10-13.40 che avrebbe indicato problemi di ipossia e sofferenza fetale.

Secondo i due consulenti tecnici nominati dalla Procura si sarebbe quindi dovuto praticare immediatamente un cesareo.

Invece – riporta sempre La Nazione – l’intervento d’emergenza sarebbe stato tardivo. Il feto, di 3,7 chilogrammi fu espulso con la ventosa ostetrica solo alle 15.44, ma era già morto.

La Procura, dunque, ritiene che nella fase finale del parto la cardiotocografia evidenziasse “una grave sofferenza fetale che veniva totalmente trascurata”. Nonostante l’ipossia,  non sarebbero però state praticate “manovre di rianimazione intrauterina”, né si sarebbe provveduto “ad espletare celermente il parto con cesareo”.

Il processo si aprirà il prossimo febbraio. I genitori della piccola vittima, entrambi di origini straniere(tunisino lui, bielorussa lei), si sono costituiti parti civili, mentre l’Asl si è costituita responsabile civile.

Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a medicolegale12@gmail.com o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

ISTERECTOMIA EFFETTUATA IN RITARDO, TRE GINECOLOGI RISCHIANO IL PROCESSO

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui