Camera iperbarica a seguito di infezione nosocomiale contratta sulla gamba sinistra (Tribunale Locri, Sentenza n. 494/2022 pubblicata il 26/07/2022).

Camera iperbarica a seguito di infezione nosocomiale.

Il danneggiato cita a giudizio la Provincia e l’Azienda Ospedaliera per sentirle condannare, ciascuna in ragione della propria quota di responsabilità, al risarcimento di tutti i danni patrimoniali e non patiti in conseguenza rispettivamente del sinistro occorsogli sulla strada provinciale non manutenuta e dell’inadempimento dell’Azienda ospedaliera agli obblighi di asepsi ed antisepsi nell’erogazione delle prestazioni sanitarie fornite.

Mentre percorreva la strada provinciale a bordo del proprio motociclo Yamaha, all’uscita    da una curva destrorsa, trovava sulla carreggiata un ostacolo, a suo dire, imprevisto,   imprevedibile e non evitabile, costituito da pietre e terriccio; che, in conseguenza   rovinava sull’asfalto riportando lesioni personali (frattura del piatto tibiale e del terzo prossimale della tibia sin., frattura composta della testa del perone sin.) oltre a danni al motociclo.

Deduce l’attore che il sinistro si è verificato per fatto e colpa esclusivi dell’Ente proprietario della strada che non ha adottato tutte le misure preventive e/o di sicurezza e/o manutentive utili ad evitare l’evento.

Dopo il sinistro veniva ricoverato con diagnosi di “Frattura del piatto tibiale e del terzo prossimale della tibia sin. frattura scomposta della testa del perone sin. “

Veniva sottoposto ad intervento chirurgico per frattura scomposta del piatto tibiale esterno sx trattata con placca e viti e, a poche ore dalla dimissione, a causa di forti dolori, perdeva i sensi e veniva soccorso dal personale del 118.

Il continuo peggioramento delle condizioni lo costringeva ad un nuovo ricovero presso il medesimo nosocomio all’esito del quale si accertava che durante il primo ricovero aveva   patito infezione delle ossa, tibia e perone con secrezione della ferita chirurgica, trattata   con terapia antibiotica, camera iperbarica e medicazioni giornaliere.

La detta infezione era determinata da: Staphylococcus haemolytlcus ed epidermidis; e, dalla fine di luglio alla fine di agosto era costretto a recarsi in autoambulanza a Palmi per   sottoporsi a trattamento in camera iperbarica.

Seguivano una serie di numerosi ricoveri per Osteomielite acuta piatto tibiale sx cui seguiva nuovo intervento chirurgico per la rimozione mezzi di sintesi e della vite libera con rondella.

In ordine alla responsabilità dell’azienda Ospedaliera deduce, in particolare, ulteriore peggioramento delle condizioni di salute assumendo che, avendo erogato inadeguate   prestazioni routinarie, avrebbe riportato, una malattia nuova ed ulteriore rispetto a quella di ingresso. Difatti, a seguito degli accertamenti eseguiti dai N.A.S. su indagini delegate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, la sala operatoria del Reparto di ortopedia veniva posta sotto sequestro per carenze igienico-sanitarie e strutturali tali da    costituire pericolo per la salute dei degenti ai sensi del D.L. 91/2008.

L’azienda Sanitaria contesta la fondatezza della domanda e deduce assenza di nesso di   causalità.

Sulla domanda per responsabilità da   cose   in custodia invocata nei confronti della Provincia per difetto di manutenzione della strada provinciale, il Tribunale non ravvisa i presupposti di cui all’art. 2051 c.c., avuto riguardo alle concrete modalità di verificazione del sinistr

Per quanto concerne l’asserita responsabilità dell’Azienda Sanitaria, l’attore ha dedotto che in conseguenza della infezione nosocomiale ha dovuto affrontare un lungo periodo di trattamento farmacologico, di  revisione chirurgica e di camera iperbarica.

Il Tribunale evidenzia che nessun problema si pone ai fini dell’accertamento della responsabilità della struttura sanitaria, in quanto il relativo regime   che,   sin   della   sentenza a Sezioni Unite della Corte di Cassazione, n. 577/2008, è stata strutturato come   responsabilità contrattuale da inadempimento delle obbligazioni direttamente a suo    carico, anche, ai sensi dell’art. 1228 c.c. all’inadempimento della prestazione medico professionale svolta direttamente dal sanitario.

Secondo il CTU, “pur essendo stato eseguito correttamente l’intervento chirurgico di osteosintesi, nel successivo periodo di 10 giorni, era   stata   accertata   un’infezione da Staphylococcus Haemolyticus ed Epidermidis della parte superficiale, profonda ed   ossea (osteomielite) evidentemente dovuta ad una   contaminazione   della   parte   durante   l’atto operatorio dovuta ad inadeguata prevenzione delle infezioni con   inadeguata asepsi in sala operatoria……è quindi imputabile alla condotta omissiva dei sanitari l’inquinamento della ferita ed il grave processo infettivo della parte con   successiva necessità di cure mediche e chirurgiche per  un lungo periodo di tempo, ivi compresa la camera iperbarica.”

Ed ancora il CTU ha specificato che “i  trattamenti successivi all’intervento di   osteosintesi e le ulteriori lesioni patite in conseguenza dell’infezione non possono ritenersi conseguenze del trauma riportato nel sinistro, ma rappresentano cause sopravvenute idonee di per sé sole a determinare l’aggravamento delle condizioni di salute per effetto dell’infezione.”

Per quanto concerne la quantificazione del danno biologico conseguente alla infezione, il CTU ha determinato un danno biologico pari al 6%.

Avv. Emanuela Foligno

Sei vittima di errore medico o infezione ospedaliera? Hai subito un grave danno fisico o la perdita di un familiare? Clicca qui

Leggi anche:

Errata diagnosi di episodio lipotimico in paziente diabetico

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui