Disposta una consulenza per chiarire la sussistenza di un nesso di causalità tra il tamponamento di cui l’automobilista era rimasta vittima e la deviazione delle protesi al seno. La danneggiata chiede un risarcimento di oltre 60 mila euro

Era rimasta coinvolta, nel dicembre 2017, in un tamponamento a catena innescato da un camionista. In occasione dell’incidente, la pressione della cintura di sicurezza le avrebbe provocato la deviazione della protesi destra del seno rifatto, nonché la fuoriuscita di liquido, rendendo necessario ricorrere a un nuovo intervento di urgenza.

E’ la vicenda, riportata dal Corriere di Romagna, di una cinquantenne che ora si trova in causa con la compagnia assicuratrice del mezzo pesante, che non intende saldare il danno, quantificato in circa 60mila euro, più altri 15mila per la mastoplastica finalizzata a rendere nuovamente simmetrici entrambi i seni.

L’urto si era verificato durante ,l’orario di punta su un cavalcavia, coinvolgendo anche un terzo veicolo che era stato scaraventato dal camion sulla vettura della parte lesa.

La donna, nei giorni successivi, aveva iniziato a notare le prime conseguenze: dolore marcato e gonfiore, finché il seno non aveva iniziato a cambiare forma.

Da ulteriori accertamenti era emerso che l’asimmetria era dovuta alla dislocazione della protesi. Uno spostamento provocato, secondo la donna, necessariamente dall’incidente, in quanto una visita effettuata poco tempo prima aveva certificato che tutto risultava “in asse”.

Il giudice ha ritenuto di nominare un consulente per verificare la sussistenza del nesso di causalità tra il sinistro e il danno lamentato dalla donna. Si attendono dunque le conclusioni del perito per capire se effettivamente i danni sono riconducibili all’incidente e se, quindi, l’assicurazione dovrà pagarli.

Sulla vicenda, inoltre, potrebbe aprirsi anche un versante penale, in caso di presentazione di una denuncia da parte della donna.

Leggi anche:

OPERAZIONE AL SENO DISASTROSA, CHIESTI 200MILA EURO DI RISARCIMENTO

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui