Il professionista, che si difende affermando di aver seguito i protocolli, è indagato per la morte di una donna a cui aveva effettuato una diagnosi di artrite, successivamente morta di cancro

La Procura di Sassari ha chiesto il rinvio a giudizio di un medico di famiglia indagato per omicidio colposo nell’ambito dell’inchiesta sul decesso di una 54enne, morta di tumore nel novembre del 2017. Come ricostruisce la Nuova Sardegna la donna si era rivolta al dottore lamentando un dolore persistente alla mano e al braccio destro, che peraltro avrebbe presentato anche un evidente gonfiore. La professionista avrebbe effettuato una diagnosi di artrite, confermata per tre volte, prescrivendo alla paziente una terapia a base di Oki e Brufen, che tuttavia non avrebbe sortito effetti.

In realtà la signora era affetta da un tumore al seno, che si era poi esteso. E’ deceduta – in base a quanto appurato dagli accertamenti medico legali – per una infezione polmonare “quale complicanza di un carcinoma mammario pluri-metastatico”.

Secondo il Pubblico ministero titolare del fascicolo il medico avrebbe quindi diagnosticato erroneamente un’artrite “somministrando terapia antalgica, potenzialmente mascherante la diversa origine del quadro, senza aver escluso un altro processo fisio-patologico”. Il tutto “non ponendo in diagnosi differenziale nessun’altra malattia generante la sintomatologia algica e non approfondendo quindi il quadro”.

L’indagato, da parte sua,  avrebbe difeso la propria condotta davanti al Gup sostenendo di aver rispettato i protocolli e di aver seguito le linee guida. Decisiva ai fini del prosieguo del procedimento giudiziario, l’audizione del consulente della Procura, che – come riferisce la Nuova Sardegna – dovrà chiarire se, con una diagnosi immediata, la paziente avrebbe potuto salvarsi, o quantomeno avere un’aspettativa di vita più lunga.

Hai vissuto una situazione simile? Scrivi per una consulenza gratuita a malasanita@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

Morta per le complicazioni di un’otite, pediatra rischia il processo

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui