Indagini in corso a Palermo per fare chiarezza sulle cause della morte di una donna di 49 anni deceduta poco dopo l’accesso in Pronto soccorso, dove si era recata accusando un dolore addominale

La procura di Palermo ha avviato le indagini sul decesso di una donna residente nel capoluogo siciliano, morta lo scorso 12 ottobre all’ospedale Villa Sofia pochi giorni prima del suo cinquantesimo compleanno. La signora, che lavorava in un’autoscuola, si era presentata in Pronto soccorso accusando un dolore addominale.

In base a quanto riportato dagli organi di stampa locale, durante la valutazione del personale sanitario al triage le sue condizioni sarebbero improvvisamente peggiorate.

La paziente è andata in arresto cardiocircolatorio ed è morta poco dopo. Vani i tentativi messi in atto da parte degli operatori del nosocomio per rianimarla.

In seguito al decesso la famiglia si è rivolta alla polizia con l’obiettivo di capire cosa sia accaduto. In base a quanto riferito dai parenti, la vittima si era recata due giorni prima all’ospedale Vincenzo Cervello, dove – come riferiscono i media locali  – sarebbe stata visitata presso il reparto di chirurgia toracica prima di essere dimessa.

Quindi, a distanza di 48 ore, l’accesso al Villa Sofia dove, tuttavia, nel giro di poco tempo la situazione sarebbe precipitata fino al tragico epilogo.

Il sospetto dei familiari la loro congiunta non avrebbe ricevuto le cure dovute. In seguito alla denuncia, gli investigatori hanno proceduto al sequestro della documentazione clinica, mentre i primari dei due reparti interessati dalla vicenda avrebbero preparato delle relazioni per ricostruire l’accaduto. Nel frattempo, la salma della donna è stata trasferita all’istituto di medicina legale del Policlinico di Palermo per lo svolgimento dell’esame necroscopico.

Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a medicolegale12@gmail.com o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

MORTA IN SEGUITO A UNA VISITA IN PRONTO SOCCORSO, MEDICO CONDANNATO

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui