Viene ritenuto sussistente un concorso di colpa del danneggiato nella misura del 50% in relazione all’insidia sulla strada comunale e considerata la conoscenza dei luoghi (Tribunale di Benevento, Sez. I, Sentenza n.856 pubblicata il 30/04/2021)

Viene citato dinanzi al Giudice di Pace il Comune di Airola per sentirlo condannare al risarcimento dei danni subiti a seguito di un incidente causato dalla presenza di una insidia sulla strada comunale.

Gli attori deducono:

1) che il giorno 12.03.2009, alle ore 18.00 alla guida del ciclomotore Piaggio Liberty., la strada comunale Via Domenico Romano del Comune di Airola (BN), direzione Via Sorlati, rispettando tutte le norme del codice della strada;

2) che all’altezza della rotatoria posta nei pressi del Parco incappava con la ruota anteriore del ciclomotore in una buca situata sulla carreggiata, non segnalata e non visibile;

3) che a causa della imprevista insidia, il conducente cadeva a terra sul suo lato destro riportando danni fisici tanto da dover essere costretto a recarsi presso il pronto soccorso dell’Ospedale Fatebenefratelli di Benevento;

4) che a seguito delle lesioni venivano accertati: 05 giorni a titolo di Inabilità temporanea totale; 60 giorni a titolo di Inabilità temporanea parziale al tra il 50 ed il 25 %; oltre postumi da valutare a titolo di danno biologico permanente;

5) che a causa dell’incidente anche il ciclomotore pativa danni per la cui riparazione veniva prospettata una spesa di euro 1.266, IVA compresa, come da preventivo allegato.

Il Giudice di Pace di Airola rigettava la domanda ponendo a carico dell’attore il pagamento delle spese di giudizio.

La decisione viene appellata dal danneggiato.

Il Tribunale, in funzione di Giudice d’Appello, estrapola i dati salienti della responsabilità per beni in custodia.

In particolare, viene osservato, che per le strade la possibilità in concreto della custodia va valutata non solo in relazione all’estensione, ma anche alle loro caratteristiche, alla posizione, alle dotazioni, ai sistemi di assistenza che li connotano, agli strumenti che il progresso tecnologico di volta in volta appresta e che, in larga misura, condizionano anche le aspettative della generalità degli utenti.

Inoltre, è fondamentale accertare se l’evento eziologicamente derivi in tutto o in parte dal comportamento dello stesso danneggiato, valutandone, quindi, l’eventuale apporto causale.

Il nesso di causalità può essere interrotto anche per effetto del comportamento sopravvenuto dello stesso danneggiato, quando il fatto di costui si ponga come unica ed esclusiva causa dell’evento di danno, sì da privare dell’efficienza causale e da rendere giuridicamente irrilevante il precedente comportamento dell’autore dell’illecito.

Parte attrice ha provato l’anomalia della strada, l’evento in sé ed il nesso causale tra il medesimo ed i danni riportati dal veicolo ed alla persona.

Invece, il Comune non ha dato prova del caso fortuito.

Ciònonostante, viene ritenuto sussistente un concorso di colpa del danneggiato nella misura del 50% in relazione allo stato dei luoghi e considerata la conoscenza degli stessi che il conducente aveva e che gli imponevano maggiore attenzione e cautela.

In via equitativa, il danno biologico viene liquidati in euro 1.000,00 e il danno materiale al motociclo in euro 700,00.

Considerato il concorso di colpa, il danno biologico viene ridotto ad euro 500,00, mentre il danno materiale al mezzo, non viene ridotto in relazione al concorso di colpa in quanto l’art. 2055 c.c. é applicabile anche nelle ipotesi di risarcimento ai sensi dell’art. 2051 c.c..

Il Tribunale di Benevento, quale Giudice di appello, accoglie l’appello ed in riforma della decisione del Giudice di Pace, accoglie la domanda e condanna il Comune al pagamento della somma di euro 500 a titolo di danno biologico, e di euro 700,00 a titolo di danno materiale al motociclo.

Il Comune viene, inoltre, condannato al pagamento delle spese di lite del doppio grado di giudizio liquidate in euro 1.482,00. Oltre spese forfettarie e accessori.

Avv. Emanuela Foligno

Sei stato coinvolto in un incidente stradale? hai subito un danno fisico o perso un congiunto e vuoi ottenere il massimo risarcimento danni? Clicca qui

Leggi anche:

Lesioni causate da omessa custodia della strada e nesso causale

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui