Errori medici, malasanità, cattiva gestione delle risorse. Sono tanti i nomi che possiamo attribuire al prossimo caso.

Il tutto si svolge in Calabria e vede come sfortunata protagonista una bambina di pochi anni che ha rischiato di perdere la vita per una radiografia (non eseguita). Il 17 agosto scorso, nei pressi del comune di Locri, una bambina ha ingerito accidentalmente una batteria ed è stata portata subito in ospedale dai genitori. Qui, purtroppo, i medici non sono stati in grado di individuare il corpo estraneo all’interno della ragazzina perché il macchinario era guasto. I genitori sono stati quindi invitati a recarsi in un’altra struttura, a Polistena (circa 40 km da Locri, ndr.) senza nessun supporto infermieristico e con i propri mezzi.

Come riporta il portale di informazione calabrese zmedia.it, “a seguito di un’ulteriore lunga attesa, i genitori hanno ricevuto la notizia che l’apparecchio per effettuare l’indispensabile lastra era, incredibilmente, fuori uso anche a Polistena”.

Dopo circa tre ore di attesa e senza alcuna indicazione precisa, i genitori decidono così di recarsi  presso gli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria (a circa 70 km da Polistena,  ndr.) dove la bambina ha ricevuto l’assistenza del caso: studio radiologico, ricovero, prelievo ed endoscopia in anestesia generale.

“Molti casi di malasanità – affermano Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di CODICI, e Giuseppe Salamone, Segretario Regionale di CODICI Calabria – si verificano proprio perché mancano i controlli adeguati a mantenere in vita un ospedale e non è possibile che in due ospedali, sedi di Pronto Soccorso di primo livello, l’apparecchio di radiologia sia guasto”. A questo si aggiunge la cronica carenza di personale e la negligenza medica.

Nelle prossime ore approfondiremo questa vicenda con la nostra equipe di esperti medico – legali.

Ritieni anche tu di essere vittima di errori medici? Chiama Responsabile Civile per una consulenza gratuita con i nostri esperti al numero 06/69320026 o scrivi alla redazione: redazione@responsabilecivile.it

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui