I professionisti sono accusati di omicidio colposo per il decesso di una donna di 55 anni, morta dopo un intervento alla schiena per una decompressione spinale

Si è aperto a Rimini il processo che vede imputati tre medici, un chirurgo e due anestesisti, accusati di omicidio colposo in relazione al decesso di una 55enne residente nel teramano, morta dopo un intervento alla schiena per una decompressione spinale.

La paziente, che da settimane era affetta da un mal di schiena che le impediva perfino di camminare, era stata ricoverata in una casa di cura e operata da uno specialista in neurochirurgia e chirurgia spinale. Durante l’intervento, durato diverse ore, sarebbero insorte alcune complicanze tali da rendere necessario il tr asferimento nell’ospedale di Rimini, dove sarebbe giunta in codice rosso.

Le sue condizioni sarebbero subito apparse gravi, tanto da richiedere durante la notte il ricovero in Rianimazione. Pochi giorni dopo era sopraggiunto il decesso.

La famiglia, intenzionata a fare chiarezza su quanto accaduto, si era rivolta alla Procura, che aveva disposto il sequestro della documentazione clinica e lo svolgimento dell’esame autoptico, affidando l’incarico a una esperta in medicina legale. Quest’ultima aveva chiesto e ottenuto di farsi affiancare nelle operazioni peritali da un esperto in ortopedia e da un’esperta in anestesia e rianimazione. La parte lesa, a sua volta, aveva formato un collegio costituito da un docente di medicina legale e un docente ed esperto in anestesia e rianimazione.

La relazione depositata dai consulenti del Pm nel 2018 evidenziava molteplici profili di presunta responsabilità in capo all’equipe operatoria della casa di cura. Ad aprile 2019, a chiusura delle indagini, era scattata l’iscrizione nel registro degli indagati per i tre medici; poi il rinvio a giudizio.

Hai vissuto una situazione simile? Scrivi per una consulenza gratuita a malasanita@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

Arresto cardio circolatorio dopo un intervento, aperta inchiesta a Udine

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui