I medici, in seguito ad alcuni accertamenti in ospedale, hanno riscontrato una presunta intossicazione da hashish e hanno allertato le forze dell’ordine

E’ arrivato al San Camillo di Roma in stato di incoscienza e con difficoltà respiratorie. Il bambino, di appena 19 mesi, dopo i primi accertamenti è stato trasferito per una presunta intossicazione da hashish al Policlinico Gemelli, dove è stato ricoverato in terapia intensiva pediatrica. La prognosi è riservata, ma non sarebbe tuttavia in pericolo di vita, anzi le sue condizioni sarebbero in miglioramento.

Il piccolo, in base a quanto ricostruisce il Messaggero, è stato portato dalla mamma in ospedale sabato mattina. Alcune ore dopo, il responso degli esami tossicologici, avrebbe evidenziato la positività ai cannabinoidi.

Sono stati gli stessi medici del nosocomio romano ad allertare le forze dell’ordine.

Una pattuglia della polizia si è recata preso l’abitazione della famiglia dove, nel corso di una perquisizione, sono stati rinvenuti 200 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e del materiale per il confezionamento della droga.

I genitori del bimbo – un 39enne e una 25enne, entrambi romani –  sono stati denunciati per lesioni. Per due fratelli della madre, che abitano nella stessa abitazione al piano superiore, è scattato invece l’arresto per detenzione e spaccio di droga. Uno dei destinatari della misura cautelare, minorenne, è stato poi portato in una comunità di recupero. Il fratello maggiore invece, in seguito alla convalida dell’arresto, è stato condotto nel carcere di Regina Coeli.

Gli inquirenti sono ora al lavoro per fare chiarezza sull’accaduto. Una delle ipotesi è che il piccolo possa aver ingerito inavvertitamente un pezzo di hashish proprio mentre si trovava nell’appartamento degli zii. Gli investigatori sarebbero al lavoro anche per capire se i genitori fossero a conoscenza dell’attività illecita degli zii.

Leggi anche:

NEONATI E BAMBINI TOSSICODIPENDENTI, QUANDO L’EREDITÀ DIVENTA DRAMMA

LASCIA UN COMMENTO O RACCONTACI LA TUA STORIA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui